Home > News > I sensori di impronte a schermo arriveranno già nel 2017

I sensori di impronte a schermo arriveranno già nel 2017

Grazie all’introduzione del supporto nativo in Android 6.0 Marshmallow, i sensori di impronte digitali sugli smartphone sono diventati ormai la norma. Di fatto, ormai anche nella fascia bassa stanno incominciando a venir integrati. Tuttavia, è da qualche mese che ci si attende un passo in avanti di questa tecnologia, ovvero l’introduzione di sensori di impronte in grado di essere inseriti sotto il display.

Il Samsung Galaxy S8 è stato a lungo rumoreggiato relativamente alla possibilità che implementasse una soluzione del genere ma, a giudicare dalle ultime immagini render, pur non avendo più il tasto fisico centrale, il suo sensore è stato riposizionato sula scocca posteriore.

Buone notizie però ci giungono dall’azienda CrucialTec, una delle prime ad aver sviluppato dei sensori di impronte digitali in grado di essere implementati sotto il display. Essa ha confermato ufficialmente che i primi ordini di “Display Fingerprint Solution” o DFS saranno spediti già in questi mesi. Ciò significa che i primi smartphone ad equipaggiarli verranno presentati nella seconda metà del 2017.

Analizzando nel dettaglio il modulo Display Fingerprint Solution (lo potete vedere anche nell’immagine di copertina), l’azienda CrucialTec dichiara una sensibilità di 500 punti per pollici, utile a rilevare anche un singolo capello.

Più in là nel tempo poi CrucialTec ha pianificato la vendita di sensori di impronte di questo tipo in grado di raggiungere ogni punto dello schermo. Ciò significherà che dovunque poseremo il dito, l’autenticazione via impronta sarà possibile.

I candidati per la nuova tecnologia dei sensori di impronte non mancano

Purtroppo al momento non sappiamo quali sono i produttori che hanno ordinato dei sensori di tipo Display Fingerprint Solution. Tuttavia, dal momento che nella seconda metà del 2017 sono attesi smartphone del calibro di OnePlus 4, Samsung Galaxy Note 8 e Huawei Mate 10, i possibili candidati non mancano di certo.

VIA  FONTE