Home > Applicazioni > Recensione: Spb Wallet

Recensione: Spb Wallet

Altro: HTC - Advantage X7500 PocketPC Phone Edition Windows Mobile 5.0 PocketPC Phone Edition HSDPA - UMTS - EDGE - QWERTY - Wi-Fi - Bluetooth 2.0 Categoria: PocketPC Sistema Operativo: Windows Mobile 5.0 PocketPC Phone Edition Fun...
Stufi di dovervi ricordare decine di codici, password ed altre informazioni private ed importanti?
Se la risposta è si, allora Spb Wallet è ciò che fa per voi.
Questa nuova applicazione di Spb Software House ci permette infatti di tenere memorizzate ed aggiornate le informazioni più importanti e vitali. Il tutto direttamente sul nostro dispositivo mobile.

Caratteristiche:

  • Categoria: Utility.
  • Sistema operativo richiesto: Windows Mobile 2003 e Windows Mobile 5 (entrambi con .net Compact Framework v.2 fornito con l’applicazione) oppure Windows Mobile 6 (il 6 ha già il framework integrato).
    Windows XP o superiore per la versione PC.
  • Hardware richiesto: palmare o smartphone Windows Mobile e PC con Windows XP o superiore.
  • Memoria richiesta: 3,2 MB.
  • Lingue supportate: Inglese, Italiano.
  • Versione recensita: 1.0.0.
  • Disponibilità aggiornamenti gratuiti: Si.
  • Licenza: Commerciale.
  • Prezzo: 29,95 $.
  • Link per il download: Spb Wallet

Installazione:

La prima particolarità di Spb Wallet è che il prodotto è suddiviso in due: un’applicazione per Pocket PC ed un’altra destinata al PC normale.
Occorre installare prima la versione PC per poter poi installare ed eseguire a versione Pocket.
L’unica cosa che ci viene richiesta durante il processo è il tipo di licenza: trial (di prova) o full.

In questa recensione analizzeremo prima la verisone Pocket PC e poi la versione PC.

Introduzione e Caratteristiche – Pagina 1
Versione Pocket PC – Pagina 2
Versione PC e Conclusioni – Pagina 3

Versione Pocket PC:

La nostra recensione mostra il programma in inglese, poiché Spb ci ha inviato unicamente la versione internazionale.
La versione italiana è comunque disponibile sul sito Spb.

Wallet in inglese significa portafoglio. Il contenitore dove custodiamo, spesso, i nostri documenti più importati.
All’avvio di Spb Wallet ci viene proposta la scelta tra la creazione di un nuovo Wallet o l’apertura di Wallet esistenti. Nel caso avessimo già creato dei Wallet, ci verrebbe richiesta la password dell’ultimo utilizzato.

La scelta di creazione dei Wallet e la finestra di immissione password per accedere ad un Wallet esistente.

Per creare un nuovo Wallet basta premere il pulsante "Create New Wallet" ed inserire poche semplici informazioni (nome del Wallet, posizione di salvataggio e password).
Un’utile barra informativa ci indica la complessità della password: più si sposta verso destra e più la password è ritenuta sicura.

La creazione di un nuovo Wallet.

In caso di apertura di un Wallet ci verrà richiesto di immettere la password di accesso. Questa può essere inserita sia con la tastiera inclusa nel programma che con quella standard di Windows Mobile.

Una volta inserita correttamente la password ci troviamo di fronte al pannello principale: un elenco di cartelle che catalogano le più comuni tipologie di informazioni da archiviare.


La finestra principale di Spb Wallet.

È sempre possibile creare nuove cartelle e definire per esse il tipo di informazione contenuta:

La creazione di una nuova cartella e la scelta dell’icona.

Creare le cartelle è molto semplice. Basta scegliere un nome, un’icona (se ne possono anche importare di personalizzate tramite il tasto "Add") ed un template da applicare, di default, alle varie Card (le singole schede) inserite nella cartella.

L’apertura di una cartella mostrerà l’elenco di Card memorizzate nel database di Spb Wallet:


Alcune card che abbiamo installato nel nostro terminale.

Tappando una Card si entra nella stessa. Interessante notare come Spb Wallet non proponga una cupa finestra con le informazioni impilate una sopra l’altra, ma presenti invece una immagine raffigurante la tipologia dell’informazione salvata (in questo caso una Carta di Credito).

La nostra Carta di Credito in modalità Visualizzazione e Modifica.

Come potete notare sono innumerevoli le informazioni che si possono immettere e, per quelle sensibili, vengono visualizzati degli asterischi in modalità Visualizzazione.

La creazione delle Card è pressoché identica alla modalità modifica e richiede di inserire il template della Card, che viene preimpostato di default con il template scelto nella cartella di appartenenza della Card.
In alternativa possiamo creare un template personalizzato agendo su Menù nella schermata principale del programma
La creazione del template è molto veloce e richiede l’immissione del nome, dell’icona e dell’elenco dei campi da compilare.

La scelta di nome ed icona e l’elenco dei campi compilabili del template.

Il vantaggio di poter creare template personalizzati sta appunto nella possibilità di selezionare e nominare qualunque tipo di dato.
Non siamo per forza obbligati ad inserire dati come password, numero di serie o numeri di carte di credito, potremmo anche solo inserire dei campi testuali per memorizzare importanti informazioni di lavoro che non devono essere visibili a chiunque prenda in mano il terminale.

Le finestre di creazione della visualizzazione.

Altra funzione molto interessante è la possibilità di creare una vista personalizzata spostando manualmente, in differenti posizioni della Card, i vari campi inseriti nel template.
È ovviamente possibile cambiare anche lo sfondo (nell’esempio sopra riportato si sta utilizzando lo sfondo di default per le card contenenti password).

La configurazione del programma richiede pochi semplici passi: è sufficiente impostare il tempo di chiusura automatica del Wallet (in caso lasciassimo il terminale incustodito) e poche altre opzioni di minore importanza.

Infine Spb, prevedendo la possibilità che alcuni utenti possano avere memorizzato un numero notevole di dati, ha inserito una comoda funzione di ricerca che permette di trovare, velocemente, i dati richiesti senza dover andare a frugare in mezzo agli elenchi, spesso lunghissimi, delle singole Cartelle.

Modalità ricerca: in alto scriviamo un testo e nella sezione sottostante appariranno tutte le Card correlate a quel testo.

Introduzione e Caratteristiche – Pagina 1
Versione Pocket PC – Pagina 2
Versione PC e Conclusioni – Pagina 3

Versione PC:

Anche la versione PC ci chiede la password di accesso dell’ultimo Wallet utilizzato oppure se volgiamo crearne uno nuovo.

La finestra principale del programma.

La finestra, seppur differente, presenta i medesimi contenuti della versione Pocket PC, più qualche collegamento veloce per la creazione di nuove Card e l’apertura delle ultime visualizzate.

Non stiamo a presentare ogni singola funzionalità della versione PC, in quanto è pressoché identica alla versione Pocket PC. Ci limitiamo a segnalare che alcune operazioni (come la creazione dei template personalizzati) sono naturalmente semplificate dal fatto di avere a disposizione un mouse ed un’area di lavoro maggiore.

Ultima importante funzione è la capacità di Spb Wallet di integrarsi in Active Sync, o Windows Mobile Device Center e provvedere, in tutta autonomia, a mantenere sincronizzati i Wallet su PC e Pocket PC.

WMDC impostato per la sincronizzazione di Spb Wallet.

Scheda Riassuntiva:

Punti a favore

  • Semplicità d’uso.
  • Sincronizzazione con il PC semplice e immediata.

Punti a sfavore

  • Segnaliamo una leggera difficoltà nel creare i template su Pocket PC (a causa principalmente del poco spazio su schermo). Meglio utilizzare la controparte PC.

Giudizio complessivo

Sicuramente un ottimo programma, utile ai professionisti che devono memorizzare decine di password o codici di accesso, ma utile anche agli utenti comuni che non vogliono tenersi a mente troppe informazioni private, col rischio di scordarsene qualcuna.

Introduzione e Caratteristiche – Pagina 1
Versione Pocket PC – Pagina 2
Versione PC e Conclusioni – Pagina 3

Sistema Operativo: 
Contenuto: