Home > Apple > iPhone Xs Max distrugge il Google Pixel 3 XL nei test benchmark

iPhone Xs Max distrugge il Google Pixel 3 XL nei test benchmark

iPhone Xs Max

Sappiamo bene che i benchmark non sono il solo dato da tenere in considerazione quando si vuole acquistare un nuovo smartphone ma, dal momento che in molti trovano interessante comparare i risultati, non potevamo esimerci dal mostrarvi come iPhone Xs Max ha praticamente distrutto il Google Pixel 3 XL.

Google ha optato per alimentare il suo ultimo smartphone Pixel con lo Snapdragon 845 di Qualcomm, lo stesso chip trovato nel Galaxy Note 9 di Samsung. Tuttavia, sia i core ad alte prestazioni che quelli ad alta efficienza hanno una frequenza di clock leggermente più bassa del Galaxy a 2.5GHz e 1.5GHz, rispettivamente. Il processore è supportato da 4 GB di RAM, mentre una GPU Adreno 630 guida la grafica.

L’iPhone Xs di contro è alimentato dal nuovo chip A12 Bionic, un sistema-on-chip con CPU a sei core con due core ad alte prestazioni e quattro core di efficienza aventi una frequenza di clock di 2,49 GHz. Una GPU hexa core progettata da Apple e 4 GB di RAM completano il tutto.

iPhone Xs Max vs Google Pixel 3 XL

A partire dal test Geekbench 4, iPhone XS Max ha più che raddoppiato il Pixel 3 nelle prestazioni single-core con un punteggio di 4.816 punti rispetto a solo 2.393. Il divario non è così ampio nel test in multi-core, ma l’XS Max batte ancora comodamente il Pixel 3 con un punteggio di 11.584 rispetto a 8.312.

Il prossimo è il punto di riferimento è Antutu. Il Pixel 3 ha raggiunto il punteggio abbastanza buono di 284.546 punti, ma non è stato in grado di competere con l’iPhone XS Max che ha raggiunto ben a 363.687 punti. Guardando i risultati dettagliati, l’iPhone ha battuto Pixel 3 in tutti i test tranne che per la memoria.

Infine su Octane 2.0, un benchmark che valuta le prestazioni del browser, la differenza è stata sempre enorme. L’iPhone XS Max ha raggiunto un punteggio di 43.220, quasi tre volte il Pixel 3 di 16.396. Questo test è una buona illustrazione dell’ottimizzazione hardware e software di Apple.

FONTE