Home > Android > YouTube: in arrivo un “negozio di canali” per i servizi di streaming [Rumour]

YouTube: in arrivo un “negozio di canali” per i servizi di streaming [Rumour]

Google è sempre al lavoro per portare novità sulle proprie applicazioni e nel corso dei mesi ha lavorato moltissimo su YouTube introducendo il supporto ad iPhone X, il supporto agli smartphone Android con display 18:9, testando nuove funzionalità di auto-play e organizzando meglio i contenuti pubblicitari, introducendo nuove opzioni per quanto riguarda la velocità di riproduzione dei video

Qualche mese fa sono iniziate le segnalazioni in rete in merito alla possibilità di eliminazione del tasto Dislike mentre qualche settimana fa l’azienda ha comunicato ufficialmente un cambiamento nella visualizzazione del numero degli iscritti di un canale e qualche mese fa abbiamo parlato di nuova funzionalità chiamata “Shorts” che permetterebbe di realizzare dei piccoli video per fare concorrenza a TikTok

YouTube Shorts ha fatto il suo debutto solo un anno e mezzo fa, ma i creatori che utilizzano la funzione in stile TikTok hanno già accumulato oltre cinque trilioni di visualizzazioni su più piattaforme, inclusi telefoni e laptop Android, grazie alla crescente mania per i video in formato breve.

Oggi parliamo di novità in campo streaming. Secondo il Wall Street Journal, YouTube sta lavorando a un negozio online in cui è possibile acquistare abbonamenti per vari servizi di streaming. Secondo quanto riferito, la piattaforma di streaming video di proprietà di Google ha sviluppato un “negozio di canali” almeno negli ultimi 18 mesi ed è attualmente in trattative con potenziali società partner.

YouTube offre già ai suoi abbonati TV in streaming da $ 65 al mese la possibilità di aggiungere l’accesso a servizi extra come HBO Max. Il prossimo negozio, tuttavia, apparentemente offrirà alle persone un modo per acquistare servizi di streaming dall’app YouTube principale.

Secondo quanto riferito, il “channel store” di YouTube potrebbe essere lanciato nell’autunno di quest’anno, anche se Google deve ancora confermare che il progetto esiste e che sta già discutendo con potenziali partner.

Via