Home > Apple > WWDC 2016: ecco cosa c’è da attendersi

WWDC 2016: ecco cosa c’è da attendersi

WWDC 2016

Come sicuramente saprete, il prossimo 13 Giugno si aprirà ufficialmente il WWDC 2016 di Apple (Il WWDC 2016 si svolgerà ufficialmente dal 13 al 17 Giugno). Storicamente in quest’evento ci si è focalizzati solamente sul software dei Mac e degli iDevice lasciando invece la presentazione di nuovo hardware ad altre conferenze. Avverrà la stessa cosa anche quest’anno?

Stando a quanto dichiarato dal reporter Mark Gurman molto probabilmente si. O almeno, l’unica presentazione hardware potrebbe riguardare il refresh della serie Thunderbolt display con l’introduzione di una nuova linea dotata di risoluzione 5K. Ad ogni modo, le novità principali riguarderanno OSX (col probabile cambio di nome in macOS), iOS 10, watchOS e tvOS.

Per quanto riguarda iOS 10, ci saranno moltissime modifiche a livello di codice ma anche qualche modifica a livello di interfaccia grafica. Stando a quanto dichiarato dal signor Mark Gurman, iOS 10 avrà a disposizione una UI più vivace, con l’aggiunta di nuove colorazioni nella tendina delle notifiche. 

I cambiamenti interessanti invece arriveranno nell’app Foto, in cui verranno introdotti nuovi tool di modifica atti a permettere agli utenti di rendere le loro foto quanto migliori possibili (senza utilizzare software di terze parti).

Ovviamente ci sarà un major upgrade per quanto riguarda il servizio di Apple Music, cosa che tra l’altro si rumoreggia già da diverso tempo (Apple Music: ci saranno grandi novità al WWDC). L’assistente vocale Siri sarà ufficialmente portato su Mac e ne verrà rilasciato l’SDK pubblicamente, così che gli sviluppatori possano implementare le potenzialità di Siri nelle proprie app (Apple potrebbe a breve rilasciare un SDK per rendere Siri il perfetto competitor di Google Home).

Non vi sarà quindi spazio per il fantomatico speaker stand alone con fotocamera integrata per il riconoscimento facciale (Lo speaker stand alone di Apple con Siri potrebbe vantare anche una fotocamera).

VIA