Home > News > Windows Phone 9 potrebbe perdere le live tiles

Windows Phone 9 potrebbe perdere le live tiles

Sicuramente se chiediamo a chiunque quale sia la caratteristica principale di Windows Phone, ci verrà detto le live tiles. In effetti è vero, ma l’indiscrezione che ci arriva in queste ultime ore ci fa pensare che Microsoft non ne sia pienamente soddisfatta. Infatti secondo Eldar Murtazin, blogger che già in passato ci ha azzeccato con le sue previsioni, Microsoft, nella sua prossima major release Windows Phone 9, cambierà radicalmente la UI eliminando le live tiles.

windows-phone-9

Windows Phone 9 potrebbe assomigliare ad Android

Per cercare ci avvicinare il livello di successo raggiunto da Android, secondo Eldar Murtazin Microsoft rinuncerà alle proprie live tiles, le quali sembrano non riscuotere molto successo tra gli utenti, e rivoluzionerà l’interfaccia grafica del suo sistema operativo mobile rendendolo più in stile Android e iOS. Microsoft però lascerebbe sempre l’opportunità agli utenti di ritornare all’interfaccia classica, ovvero quella con le live tiles, nel caso essi volessero.

windows-phone-9

Windows Phone 9 unificherà Windows Phone 8 e Windows RT

Altra grande “rivelazione” di Eldar Murtazin è quella che Microsoft, nella sua prossima release, unificherà il sistema operativo degli smartphone con quello dei tablet ARM. In effetti, di questa possibilità ne abbiamo già sentito parlare in passato, con una probabile unione tra gli store di Windows Phone e Windows RT nel 2015, il che comporterebbe anche l’unione dei due OS. In questo modo Microsoft eliminerebbe uno dei tre sistemi operativi che attualmente sono presenti sul mercato, semplificando di molto le operazioni agli sviluppatori che, in un solo colpo, avrebbero l’applicazione pronta sia per gli smartphone che per i tablet.

Inoltre l’aggiornamento a Windows Phone 9 sarà rilasciato in maniera totalmente gratuita, sempre secondo Eldar Murtazin, per poter così meglio fronteggiare gli altri sistemi operativi che già attuano questa politica. Questa notizia ve l’avevamo anche riportata in una precedente news

VIA