Home > News > Vodafone raggiungerà 100 comuni al mese con il suo 4G

Vodafone raggiungerà 100 comuni al mese con il suo 4G

Piani molto ambiziosi quelli dell’operatore telefonico Vodafone nel nostro paese. Dopo infatti aver venduto la quota di maggioranza di Verizon Wireless, il colosso delle telecomunicazioni si trova con molta liquidità in cassa. Questi fondi saranno utilizzati in investimenti mirati al miglioramento delle infrastrutture in tutta Europa e in special modo in Italia.

Vodafone 4G

I fondi destinati al paese italiano da Vodafone saranno 3,6 miliardi e serviranno, almeno secondo quanto dichiarato dalla stessa Vodafone, per portare l’Italia in una nuova era di connettività, riuscendo a raggiungere in media 100 nuovi comuni al mese con la propria copertura 4G.

L’obiettivo di Vodafone è chiaramente quello di raggiungere o perlomeno accorciare la distanza con TIM che ha già raggiunto e superato il 50% della popolazione italiana, grazie ad un piano di sviluppo che porterà i comuni coperti da 4G a 700 entro la fine del 2014. Le speranze di Vodafone invece sono ancore più ambiziose, dato che vuole arrivare a coprire oltre 1500 comuni entro il mese di Marzo del 2015.

Inoltre Vodafone non migliorerà solamente la propria copertura 4G, dato che il piano di investimenti prevede un aumento della copertura del 3G fino al 95% del territorio e della fibra ottica ad oltre 7 milioni di case. Qui di seguito vi lasciamo con uno stralcio del comunicato stampa ufficiale riguardate proprio questa vicenda:

Comunicare con i sistemi di messaggistica, scambiare foto e video, condividere archivi in modalità cloud sono solo alcune delle numerose applicazioni utilizzate ogni giorno dagli oltre 10 milioni di smartphone e tablet attivi sulla rete Vodafone. Gli accessi ad internet dai device mobili crescono infatti quattro volte più velocemente della popolazione globale, una tendenza confermata anche nel nostro paese: quasi un italiano su due possiede uno smartphone, per un volume di traffico internet che è aumentato di oltre il 65% nell’ultimo anno e una media giornaliera di circa un’ora e mezza di navigazione in mobilità. Un maggior consumo di dati che richiede reti sempre più veloci e affidabili