Home > Android > Vertu Constellation: il “lusso” basato su Android

Vertu Constellation: il “lusso” basato su Android

Vertu, il brand di lusso fondato nel 1998 da Nokia e controllato dal Giugno dello scorso anno dalla EQT VI, ha annunciato il suo secondo smartphone basato su sistema operativo Android di Google, il Constellation.

Il Vertu Constellation è realizzato a mano in Inghilterra utilizzando materiali di elevata qualità tra cui il titanio (grade 5), pellami di vitello e cristallo zaffiro che ricopre la parte anteriore con un unico pezzo da 5.1 pollici dal peso di oltre 100 carati.

Le caratteristiche tecniche del Vertu Constellation sono:

  • processore Qualcomm Snapdragon S4 Pro dual core da 1.7 GHz,
  • GPU Adreno 320,
  • 32/64GB di memoria  integrata,
  • fotocamera posteriore da 13 megapixel,
  • fotocamera frontale da 1.3 megapixel,
  • batteria da 1800mAh,
  • WiFi, Bluetooth ed NFC.

Caratteristiche tecniche non certo al top ma,come abbiamo visto,  non questo l’aspetto in cui si distingue questo smartphone!

Vertu Constellation

 

Come se non bastasse il  Constellation offre una serie di suonerie realizzate per Vertu dalla London Symphony Orchestra ed una selezione di canti di uccelli. Oltre a questi aspetti software, il Constellation offre anche una serie di servizi esclusivi tra cui Vertu LIFE e Vertu CERTAINTY.

Vertu LIFE offre ai clienti una selezione personalizzata di privilegi esclusivi e l’accesso illimitato ad eventi esclusivi e ad esperienze di shopping a porte chiuse. Vertu CERTAINTY protegge il cliente, il telefono Vertu ed i suoi dati tramite una serie di servizi.

Il Constellation è disponibile da Ottobre ad un prezzo compreso tra i 4.900 ed i 6.600 euro.

Vertu Constellation
Il prezzo (nonostante sia sensibilmente più basso dei modelli precedenti) potrebbe far gridare allo scandalo, sopratutto in un periodo di crisi come questo, ma i materiali usati sono assolutamente “fuori dal comune” e a questa cifra non comprate solo uno smartphone, ma anche servizi esclusivi per quello che può essere considerato un vero e proprio “status symbol”
Allora, ci avete fatto un pensierino?