Home > Android > TCL annuncia il rilascio dell’aggiornamento ad Android 9.0 su Android TV

TCL annuncia il rilascio dell’aggiornamento ad Android 9.0 su Android TV

Torniamo a parlare di TCL nel giro di 24 ore. No, purtroppo non si tratta di un ripensamento in merito al capolinea di BlackBerry per quanta riguarda la produzione di smartphone. In realtà parliamo sempre di Android ma non in ambito smartphone, bensì di Android TV.

TCL, infatti, ha annunciato ufficialmente il rilascio dell’aggiornamento al sistema operativo Android 9.0. La nuova versione del software è certificata Amazon Prime e permetterà agli utenti di accedere a tutti i contenuti dell’applicazione Prime Video, preinstallata e disponibile direttamente nella Home.

L’aggiornamento è disponibile per le seguenti serie di prodotti:

  • · Serie ES56
  • · Serie EP64
  • · Serie EP66
  • · Serie EP68
  • · Serie EC78
  • · Serie X10

Le novità introdotte dalla nuova versione sono le seguenti:

  • · Ottimizzazione delle performance e del setup
  • · Aggiornamento del Play Store e di tutte le app preinstallate
  • · Menu semplificato

Per tutti i possessori di un TV TCL, l’aggiornamento è disponibile sul sito inserendo il modello in possesso al seguente link https://www.tcl.com/it/it/service/service-model.html

Non meraviglia questa attenzione al mondo Android TV dati gli ottimi risultati registrati lo scorso anno. Pochi giorni fa l’azienda, infatti, annunciava un nuovo record nel volume delle vendite dei TV. Pensate che nel 2019 sono stati spediti 32 milioni di TV LCD, registrando così un incremento del 12% rispetto al 2018. Il volume delle vendite dei TV a marchio TCL è aumentato del 17%. Da segnalare, inoltre, che il volume delle vendite dei TV con tecnologia Quantum Dot (conosciuto anche con il nome di TV QLED) ha registrato un aumento del 66% nel 2019, principalmente fuori dal mercato cinese.

Inoltre TCL ha iniziato a produrre smartphone come il modello Plex annunciato qualche settimana fa, per cui chiaramente l’azienda ha fatto altre scelte decidendo di sacrificare un marchio prestigioso come BlackBerry. 

Via – Press Release