Home > Smartphone > Sensore di impronte digitali su tutta la gamma 2014 di LG?

Sensore di impronte digitali su tutta la gamma 2014 di LG?

Se con la presentazione del Nuovo iPad tutti i riflettori sono stati puntati su questo atteso device, anche il suo predecessore può contare su una novità di sicuro interesse. Una gradita sorpresa che certamente farà felici numerosi utenti

iPad 2

Quando Apple ha presentato il Nuovo iPad, animato da un processore A5X e dotato del Retina Display, ha anche lanciato una sorta di "Nuovo iPad 2" (identificato dal codice iPad 2,4).

Si tratta del medesimo device già in commercio dallo scorso anno, che presenta, tuttavia, una differenza che potrebbe rivelarsi molto interessante. La sua CPU, infatti, ha subito un'evoluzione, passando da un processo produttivo a 45nm ad uno a 32nm

Ma quali sono gli effetti concreti di tale modifica? Ebbene, il "nuovo iPad 2", forte del processore a 32nm, è capace di garantire una maggiore autonomia rispetto alla variante realizzata con CPU a 45nm. Qualche esempio pratico: il device offre all'utente oltre 1,6 ore di navigazione sul Web o tre ore di test grafici e video in 3D in più rispetto al suo predecessore. Di questi tempi, con quasi tutti i device che hanno nell'autonomia il proprio Tallone d'Achille, qualche ora in più di utilizzo è sempre un regalo gradito.

A distanza di un anno dal suo esordio sul mercato, l'iPad 2 si conferma così uno dei tablet più interessanti e prestanti. Una valida alternativa per coloro che non sono disposti a spendere le cifre richieste per l'iPad di terza generazione.

Immagini: 
iPad 2 - nuova CPU
iPad 2 - grafico autonomia
Scheda Tecnica: 
Sistema Operativo: 
Contenuto: 
Oggetto: 
Produttori: 

sensore di impronte digitali

Non c’è nulla da fare, una volta lanciata una moda è impossibile non adeguarsi ad essa. Parliamo del sensore di impronte digitali e di come LG pensa di dotare di questa tecnologia tutti i suoi futuri terminali.

Ma quali prodotti LG avranno il sensore di impronte digitali?

Stando alle ultime indiscrezioni infatti, questa nuova tecnologia di sicurezza, verrà implementata dal produttore coreano  in più telefoni che verranno presentati  nei prossimi mesi. Secondo ETNews Corea non solo il prossimo LG G3 avrà il sensore di impronte digitali ma anche il G PRO 2, successore del G PRO e primo phablet da 5,9 pollici ad una risoluzione Quad HD (2560×1440) che dovrebbe essere presentato durante il Mobile World Congress. (Evento al quale saremo presenti).

Resta il dubbio sull’effettiva utilità di questa tecnologia e sopratutto sulla praticità, in quanto quei pochi dispositivi che attualmente la implementano, non trovano una adeguata integrazione del software per poterla sfruttare al meglio. Staremo a vedere se LG sarà in grado di creare un ecosistema in grado di interagire correttamente con il sensore.

E’ facile supporre, in ogni caso, che il sensore di impronte digitali sarà implementato principalmente solo sui top di gamma anche per quanto riguarda LG, come già è stato fatto per le altre casa produttrici, anche se speriamo con una maggiore integrazione nel sistema Android.

Via