Home > Applicazioni > Runtastic disponibile su Apple Watch come app stand alone

Runtastic disponibile su Apple Watch come app stand alone

Fra le applicazioni maggiormente utilizzate per monitorare le sessioni di allenamento, Runtastic occupa senza dubbio uno dei primi tre posti. Scaricata da milioni e milioni di persone, offre la possibilità di sfruttare il GPS dello smartphone per tenere traccia, in maniera accurata, degli allenamenti. 

Attraverso un comunicato postato sul blog ufficiale, abbiamo appreso che gli sviluppatori di Runtastic hanno finalmente aggiornato l’applicazione per Apple Watch rendendola utilizzabile in maniera stand alone, ovvero senza la necessità che sia collegata via Bluetooth con l’iPhone.

Vuoi uscire per una corsa? Basta semplicemente aprire l’app Runtastic sull’Apple Watch e avviare l’attività. La corsa è l’attività predefinita, ma è possibile impostare anche altre attività come camminata, escursionismo, ciclismo e altri. E se dovesse iniziare a piovere proprio mentre stai correndo? Grazie alla funzione Water Lock, lo schermo dell’Apple Watch si bloccherà per impedire che vengano inavvertitamente cambiate le impostazioni o interrotte le attività.

Durante gli allenamenti è possibile controllare i seguenti parametri (simili a quelli che si possono controllare utilizzando l’app per smartphone):

  • Corsa/Pausa automatica
  • Distanza
  • Durata
  • Frequenza cardiaca
  • Ritmo (per le attività di ciclismo è “Velocità” in km/h)

Profonda integrazione fra Runtastic e watchOS 4

Grazie poi all’integrazione con watchOS 4, tutti i risultati degli allenamenti Runtastic saranno condivisi con il sistema operativo, rendendoli quindi visualizzabili nelle watch face (ad anelli) di sommario.

Una cosa importante da sottolineare è che Runtastic supporta anche Apple Watch Series 1 ma, a causa della mancanza del ricevitore GPS, non è possibile mostrare la traccia del percorso, a differenza dei passi e della distanza.

Chiaramente per utilizzare le nuove funzionalità è necessario aggiornare dapprima l’Apple Watch a watchOS 4 e successivamente anche l’iPhone a iOS 11.

FONTE