Home > News > Progetto ARA: una partnership tra Motorola e 3D Systems

Progetto ARA: una partnership tra Motorola e 3D Systems

motorola_progetto_ara_jpg

L’azienda statunitense Motorola e 3D Systems hanno siglato una partnership per dare il via a Project Ara. Il progetto ARA è un innovativo progetto in fase di sviluppo e realizzazione da parte di Motorola, che permetterà di lanciare sul mercato i cosiddetti smartphone modulari e componibili.

motorola_progetto_ara_jpg

L’azienda del marchio con le ali, che da diversi mesi opera sotto la giurisdizione di Google e che sta lanciando in queste settimane nuovi prodotti, come lo smartphone entry level Motorola Moto G, non si sta perdendo in chiacchiere e nelle scorse ore, infatti, ha suggellato un accordo con 3D Systems per la realizzazione di una piattaforma di produzione e stampa in 3D.

L’accordo siglato tra le due aziende si estende su più anni e se 3D Systems farà bene il proprio lavoro, secondo quanto previsto dai termini del contratto, potrà creare i propri moduli e le proprie custodie per gli smartphone figli del progetto ARA.

Qui di seguito le parole del CEO di 3D Systems, Avi Reichental, che esprime:

“Project Ara è stato pensato per tutti coloro che vogliono costruire una piattaforma smartphone personalizzata e creata da se stessi. La stampa 3D permetterà a questo tipo di idea di approdare nelle case di tutti gli utenti”

Motorola, dal canto suo, non ha ancora rilasciato informazioni sulla data di rilascio ed inizio vero e proprio della diffusione sul mercato degli smartphone modulari, ma la velocità con cui si sta muovendo, tra accordo siglato, creazione di un sito web ufficiale, pubblicazione continua di nuovi dettagli, lascia ben sperare che il progetto ARA darà i suoi frutti a brevissimo.

motorola_progetto_ara

Vi ricordiamo che il progetto Ara, in pratica, permetterà agli utenti di costruirsi il proprio smartphone tramite moduli selezionabili, personalizzabili e componibili, così come potete vedere dalle immagini rappresentative presenti in quest’articolo. E voi, cari lettori, cosa ne pensate di questa innovativa idea?

Via