Home > News > Produrre energia dal display? Alcuni ricercatori ci sono riusciti

Produrre energia dal display? Alcuni ricercatori ci sono riusciti

Gli studi ed i progetti intrapresi dai ricercatori per cercare di aumentare l’autonomia degli smartphone sono veramente tanti e tutti molto validi. Quello che vi vogliamo presentare oggi riguarda alcuni ricercatori della MSU (Mitchigan State University), i quali hanno realizzato un particolare strato di display trasparente in grado di assorbire energia.

Produrre energia dal display. Alcuni ricercatori ci sono riusciti

Come avrete già sicuramente pensato, si tratta di un pannello fotovoltaico trasparente e non un vero e proprio display trasparente. Questo risultato è stato possibile grazie alle molecole organiche sfruttate durante il processo di cattura della luce ultravioletta. L’inserimento di questo strato al di sotto del vetro del nostro smartphone potrebbe significare la soluzione definitiva al problema dell’autonomia della batteria. In questo modo infatti, lo smartphone sarebbe in costante ricarica.

Oltre al raggiungimento di questo risultato, un’altra buona notizia è che questo componente sarebbe abbastanza economico da produrre. Ovviamente l’inserimento all’interno di uno smartphone è solamente una delle centinaia di applicazioni possibili. Immaginiamo per esempio di inserire questo pannello fotovoltaico trasparente all’interno del parabrezza della nostra auto, alimentando così l’intero sistema elettrico in maniera continua.

Produrre energia dal display. Alcuni ricercatori ci sono riusciti (2)

Purtroppo ci sono anche delle parti negative. La più grande è sicuramente la produzione di energia. Secondo i test effettuati, la capacità di produrre energia dal sole non va oltre l’1%, mentre i comuni pannelli fotovoltaici riescono a produrre energia per circa il 30% della luce che li attraversa. I ricercatori però sono molto fiduciosi sul fatto di arrivare a produrre energia in quantità maggiore attraverso una serie di accorgimenti e di ottimizzazioni del prodotto.

VIA