Home > News > Nokia presenta il Nokia 6300i con mobile VoIP

Nokia presenta il Nokia 6300i con mobile VoIP

Nokia ha presentato oggi il Nokia 6300i, il dispositivo che offre un client VoIP (Voice over IP) completamente integrato e di facile utilizzo in combinazione con un telefono cellulare GSM.

La semplicità di connessione wireless rende il Nokia 6300i ideale per connettersi dall’ufficio domestico e consente di navigare, scaricare applicazioni ed effettuare chiamate VoIP senza alcuna difficoltà.

Il Nokia 6300i consente di salvare fino a duemila numeri suddividendoli in numeri VoIP, numeri di casa e numeri di cellulare. È inoltre dotato di simboli dedicati per la rete WLAN e VoIP, che indicano lo stato della connessione e il tipo di telefonata che si sta effettuando, se attraverso la rete GSM o tramite VoIP.

La distribuzione di questo nuovo modello è prevista per il secondo trimestre del 2008 in alcuni mercati selezionati, a un prezzo stimato di 175 euro (tasse e sovvenzioni escluse).

Fonte: Press Release

Sistema Operativo: 
Contenuto: 

Nokia ha presentato oggi il Nokia 6300i, il dispositivo che offre un client VoIP (Voice over IP) completamente integrato e di facile utilizzo in combinazione con un telefono cellulare GSM.

La semplicità di connessione wireless rende il Nokia 6300i ideale per connettersi dall’ufficio domestico e consente di navigare, scaricare applicazioni ed effettuare chiamate VoIP senza alcuna difficoltà.

Il Nokia 6300i consente di salvare fino a duemila numeri suddividendoli in numeri VoIP, numeri di casa e numeri di cellulare. È inoltre dotato di simboli dedicati per la rete WLAN e VoIP, che indicano lo stato della connessione e il tipo di telefonata che si sta effettuando, se attraverso la rete GSM o tramite VoIP.

La distribuzione di questo nuovo modello è prevista per il secondo trimestre del 2008 in alcuni mercati selezionati, a un prezzo stimato di 175 euro (tasse e sovvenzioni escluse).

Fonte: Press Release

Sistema Operativo: 
Contenuto: 

  • Roberto Fabiano

    Qui di seguito il comunicato integrale di Nokia:

    Dove , come, quando, quanto e, perché gli italiani scattano e condividono le proprie foto. A rivelarlo è una ricerca di Nokia condotta a livello internazionale con un focus specifico sul Paese Italia su un campione di 1.014 individui, di cui il 54% maschi e il 46% femmine.

    Risultato: uomini e donne lo fanno diversamente; scelgono, immortalano e archiviano soggetti diversi e differente è anche la propensione a condividerli con amici, famigliari e conoscenti tramite l’upload sui social network.

    QUANTO e DOVE

    In Italia è molto più probabile vedere scattare una foto da un uomo rispetto ad una donna. Il 23% degli intervistati maschi, infatti, dichiara di farlo quotidianamente contro il 16% del gentil sesso.

    Gli uomini italiani trasferiscono le immagini dal telefono cellulare al loro computer nel 48% dei casi e quasi il 40% degli intervistati tra i 15 e i 25 anni le carica sui social network. Più riservate le donne, che le condividono solo nel 26% dei casi perché amano, a prescindere dell’età, archiviare e custodire quanto catturato sul proprio telefono cellulare e sul proprio pc.

    COSA

    La vera differenza tra i generi maschile e femminile emerge in modo lampante nella scelta dei soggetti da immortalare. Gli uomini amano, prima di tutto, scattare foto ai propri amici (51%), alla natura (45%) e fermare in un frame i momenti più divertenti della giornata, come ad esempio un party (30%). Le donne, che si confermano eterne romantiche, si concentrano sul coniuge (39%), sui bambini (36%) e sugli animali domestici (41% ); tuttavia emerge preponderante anche un trend narcisista tra le giovani tra i 15 e i 25 anni, che usano nel 52% dei casi l’autoscatto per immortalare se stesse.

    Tutti, uomini e donne, condividono sui principali social network maggiormente le fotografie degli amici o che ritraggono momenti divertenti, ma le donne tendono a condividere più facilmente le immagini di animali (40%), mentre gli uomini quelle sportive (20%). Ancora una volta la differenza sostanziale su ciò che si condivide sembra essere dettata dall’età: tra i 15 e i 25 anni, le donne dopo essersi auto ritratte, amano condividere nel 49% dei casi la loro immagine; mentre i giovani, più goliardici, condividono prevalentemente le foto di party e momenti ludici (42%).

    ITALIANI E IL COLORE: SONO LE DONNE LE PIU’ FANTASIOSE

    Il 51% degli intervistati italiani ha un atteggiamento positivo verso smartphone dal colore inusuale e le donne, in particolare, nel 47% dei casi, si dichiara interessata a provare un dispositivo caratterizzato da una tinta divertente e fuori dal comune, a differenza degli uomini, più conservatori, che rischierebbero con un colore bizzarro solo nel 29% dei casi.

    In sintesi i risultati della ricerca sull’intero campione italiano

    Ricerca condotta da: CINT

    Campione Globale/Locale: 8077/1014

    Divisione di genere: 54% uomini / 46% donne

    Paesi interessati dall’indagine: China, Filippine, USA, Svezia, Singapore,
    India, Italia, Svizzera.

    • Il 60% degli intervistati scatta spesso fotografie con il proprio telefono cellulare (almeno una volta alla settimana)

    • Nel 44% dei casi trasferiscono le foto sul proprio computer

    • Al momento dell’acquisto di uno smartphone, il 41% dichiara che la qualità della fotocamera è un fattore determinante (o molto importante)

    • Al 51% degli intervistati piacciono i telefoni cellulari dai colori divertenti e stravaganti

    A livello mondiale, gli italiani, come gli americani e gli abitanti di Singapore, scattano e condividono le foto moderatamente. Al contrario, svedesi e svizzeri, tengono molto alla propria privacy, mentre cinesi, filippini e indiani sono molto attivi nella condivisione.

    L’analisi dell’intero campione evidenzia che gli italiani non sono particolarmente propensi a condividere le proprie foto sui social media (20%) ma al contrario, le archiviano sul computer (44%) e nel loro dispositivo (28%). Solo l’8% degli intervistati totali in Italia le condivide con amici e familiari. Le cose cambiano considerevolmente se si analizza il target giovani, dai 15 a 25 anni, che condivide le proprie immagini, nel 34% sui social network. Condividere è più importante tra i giovani italiani rispetto al resto d’Europa e nel 40% dei casi diventa persino la motivazione principale per la quale scattare foto.

    Cosa fanno in genere con le foto o i video ripresi con il telefono cellulare?

    Gli italiani in genere usano maggiormente i tag rispetto agli altri intervistati europei o agli americani. I giovani tra i 15 e i 25 anni utilizzano i loro telefoni cellulari per caricare foto su social media (40%) più spesso delle donne della stessa età (25%), che però sono più molto attive nel taggare le immagini di se stesse (62%).

    La qualità della fotocamera sta diventando un elemento determinante durante l’acquisto di uno smartphone: per il 41% degli intervistati è un fattore decisivo, o almeno una delle caratteristiche più importanti nella scelta del device