Home > Smartphone > Nexus: una fine non molto gloriosa nel 2015

Nexus: una fine non molto gloriosa nel 2015

Uno dei popolarissimi tablet firmati Google Android è andato in auto combustione durante il primo processo di carica

nexus 7 esplode

Il raro fenomeno di auto combustione non riguarda più solo gli smartphone; in Cina infatti un ignaro utente prima di addormentarsi ha messo in carica  per la prima volta il suo Nexus 7 nuovo di zecca, andando poi tranquillamente a dormire.

Il mattino seguente però l’amara scoperta: il suo Nexus 7 è andato in auto combustione, bruciando dall’interno buona parte della cover posteriore e parte dell’hardware interno, regalando al povero utente cinese uno spettacolo a dir poco raccapricciante!

Prontissima e puntuale la risposta di Asus che nel giro di tre giorni ha sostituito il Nexus 7, ormai inutilizzabile, scusandosi per quanto accaduto. E’ il primo caso di auto combustione per il tablet di Google ma la motivazione alla base sembra essere la stessa degli smartphone, ovvero una strana reazione chimica delle batterie.

Resterà un caso isolato? Speriamo ovviamente di si, augurando al povero utente e al suo nuovo Nexus 7 una sorte decisamente migliore.

Immagini: 
nexus 7 fuoco
nexus 7 fuoco 2
Sistema Operativo: 
Contenuto: 
Oggetto: 
Produttori: 

NexusSi vocifera in rete l’abbandono della linea Nexus a favore dei terminali Play Edition, il tutto nel 2015, sarà veramente così?

Una notizia che non può far altro che storcere il naso, con tutta la fama che Google si è guadagnata in questi anni, ora sembra che tutto voglia essere abbandonato, cosa ci sta sotto? Ancora nulla è stato dichiarato, può trattarsi di una bufala come di pura realtà, ma come ben sappiamo noi poveri umani non possiamo nulla contro le potenti multinazionali.

Strano ma vero il Nexus scompare

Nel 2015 la linea Nexus introdotta da Google potrebbe finire, eppure ha portato i suoi frutti, Eldar Murtazin con un tweet ha fatto sapere la brutta (o bella) notizia, certamente nulla è segnato, ma questa piccola voce fa pensare molto.

Il tutto dovrebbe favorire i terminali targati Play Edition, ovvero coloro che saranno supportati direttaente da Google per ricevere ROM ufficiali il prima possibile, proprio come accade ora con Galaxy S4 e HTC One Google Edition.

Via