Home > News > Motorola ottiene un brevetto per un dispositivo da polso

Motorola ottiene un brevetto per un dispositivo da polso

motorola

Motorola prosegue lungo il suo percorso, dopo il Moto X, fiore all’occhiello della compagnia, e la serie dei Droid, l’azienda statunitense di proprietà di Google potrebbe lanciarsi nuovamente nel settore degli smartwatch, campo nel quale esordì col suol Moto ACTV pronto ad essere succeduto da un modello di nuova generazione molto simile a quanto Samsung mostrerà all’evento IFA di Berlino il 4 di Settembre.

Almeno questo sarebbe lo scenario emerso a seguito di un brevetto approvato recentemente, sebbene fosse stato presentato nel lontano Febbraio 2012, riguardo la possibilità di sviluppare un dispositivo da polso con alcune specifiche molto interessanti, persino innovative rispetto a quanto dovremmo vedere con col Samsung Galaxy Gear, e quindi ancor più sorprendente pensando che è stato presentato più di un anno fa. Il dispositivo in questione dovrebbe essere un bracciale da polso, definito come “elemento per appendice di un utente“, ciò stando alla descrizione presente nei documenti e tradotta letteralmente.

Il futuro device da polso vanterà quindi una funzionalità che consentirà la rilevazione dello sguardo associato a controlli touchscreen da poter utilizzare su di un particolare sistema dual-screen, collocato in un modo poco chiaro sul cinturino, oltre che dotato di funzioni di monitoraggio della salute, quest’ultimo uno degli obiettivi dell’intero settore dei dispositivi indossabili di questo tipo. Difficile però, ad oggi, capire quali potranno essere le decisioni di Motorola a tal merito, va considerato come il brevetto in questione sia stato approvato con molto ritardo, c’è però da sottolineare come  la nuova vitalità del settore smartwatch possa diventare il perfetto motore di spinta per l’azienda dal marchio alato per potersi cimentare in un successore del Moto ACTV che, grazie anche al probabile influsso di Google, potrebbe facilmente imporsi sul mercato con specifiche uniche nel suo genere.

Non ci resta che attendere ulteriori sviluppi per capire le mosse di Motorola a questo punto.