Home > News > Milano: al via rete WiFi con 1.200 Hotspot in tutta la città

Milano: al via rete WiFi con 1.200 Hotspot in tutta la città

Milano

Nei giorni scorsi la Giunta del Comune di Milano ha approvato una delibera che prevede l'installazione di 1.200 hotspot WiFi nel territorio comunale: da febbraio cittadini e turisti del capoluogo milanese potranno usufruire della connessione ad Internet gratuitamente e senza limiti di tempo.

Milano, 30 dicembre 2011 - Milano diventerà tra le città più avanzate nell'offerta pubblica e ad accesso gratuito di connessione Wi-Fi per tutti i cittadini che potranno collegarsi alla rete con il proprio computer o con il telefonino. È stata approvata questa mattina in Giunta la delibera che prevede l'installazione dei dispositivi (Access Point) in 1.200 luoghi individuati dal Comune di Milano. Il progetto Wi-Fi dell'Amministrazione comunale consentirà, quindi, di promuovere e sviluppare l'attrattività del capoluogo lombardo, sia in ambito di promozione turistica, sia per quanto riguarda la tradizione milanese di città al centro dello sviluppo economico, produttivo e della ricerca. Milano, in linea con le grandi città europee, tornerà a essere davvero competitiva anche nella sua offerta ai giovani e agli studenti.

La connessione Wi-Fi sarà garantita sia all'esterno (outdoor), sia all'interno (indoor) di edifici pubblici o aperti al pubblico come l'anagrafe, le biblioteche, le scuole, i musei e altri ancora. Entro metà febbraio gli hotspots del Comune saranno sviluppati in modalità Free Internet, cioè saranno accessibili gratuitamente per l'intera giornata e non solo per un’ora e mezza.

Nel corso del 2012 verrà avviata la prima fase del progetto per l'implementazione delle infrastrutture di supporto per la connessione Wi-Fi e l'installazione fino a 1.200 punti di accesso in altrettanti luoghi della città. Ciò sarà fatto con il coinvolgimento dei Consigli di Zona e del servizio WiMi già attivo in alcune aree cittadine. Sarà quindi garantito l'accesso gratuito a internet anche nelle zone meno centrali con un'offerta a disposizione di tutti di servizi pubblici e istituzionali, alcuni dei quali già attivi.

Attraverso il progetto Wi-Fi, infatti, sarà possibile fornire ai cittadini nuovi servizi digitali, semplificazioni e trasparenza nei rapporti con la pubblica amministrazione, l'accesso ai servizi di pubblica utilità (dalle informazioni turistiche a quelle sul trasporto pubblico, al traffico, alla sicurezza).

L'accesso diffuso dei cittadini alla rete e alla tecnologia più in generale, costituisce un importante e irrinunciabile fattore di crescita e integrazione, secondo i principi di democrazia ed equità, in grado di favorire occupazione, aggregazione e sviluppo economico.

Chi accede alla rete tende a utilizzarla in maniera sempre maggiore, perché ne comprende le potenzialità e ne sfrutta i servizi. Con l'accesso al Wi-Fi capillare in tutta la città si ridurrà sensibilmente il ‘digital divide’ attraverso la possibilità offerta a tutti di provare e sperimentare l'uso di internet.

La diffusione del Wi-Fi dell'Amministrazione comunale avverrà attraverso il ‘modello aperto’ che permetterà la federazione delle reti già esistenti, così da garantire la più ampia distribuzione di punti di accesso e il più alto livello di partecipazione da parte di tutti i soggetti pubblici e privati che operano nel settore e che volessero far parte del progetto.

Il stanziamento approvato sarà di 6 milioni di euro, che potrebbe scendere grazie a bandi internazionali e partnership con i privati.

Sistema Operativo: 
Contenuto: 
Milano

Nei giorni scorsi la Giunta del Comune di Milano ha approvato una delibera che prevede l'installazione di 1.200 hotspot WiFi nel territorio comunale: da febbraio cittadini e turisti del capoluogo milanese potranno usufruire della connessione ad Internet gratuitamente e senza limiti di tempo.

Milano, 30 dicembre 2011 – Milano diventerà tra le città più avanzate nell'offerta pubblica e ad accesso gratuito di connessione Wi-Fi per tutti i cittadini che potranno collegarsi alla rete con il proprio computer o con il telefonino. È stata approvata questa mattina in Giunta la delibera che prevede l'installazione dei dispositivi (Access Point) in 1.200 luoghi individuati dal Comune di Milano. Il progetto Wi-Fi dell'Amministrazione comunale consentirà, quindi, di promuovere e sviluppare l'attrattività del capoluogo lombardo, sia in ambito di promozione turistica, sia per quanto riguarda la tradizione milanese di città al centro dello sviluppo economico, produttivo e della ricerca. Milano, in linea con le grandi città europee, tornerà a essere davvero competitiva anche nella sua offerta ai giovani e agli studenti.

La connessione Wi-Fi sarà garantita sia all'esterno (outdoor), sia all'interno (indoor) di edifici pubblici o aperti al pubblico come l'anagrafe, le biblioteche, le scuole, i musei e altri ancora. Entro metà febbraio gli hotspots del Comune saranno sviluppati in modalità Free Internet, cioè saranno accessibili gratuitamente per l'intera giornata e non solo per un’ora e mezza.

Nel corso del 2012 verrà avviata la prima fase del progetto per l'implementazione delle infrastrutture di supporto per la connessione Wi-Fi e l'installazione fino a 1.200 punti di accesso in altrettanti luoghi della città. Ciò sarà fatto con il coinvolgimento dei Consigli di Zona e del servizio WiMi già attivo in alcune aree cittadine. Sarà quindi garantito l'accesso gratuito a internet anche nelle zone meno centrali con un'offerta a disposizione di tutti di servizi pubblici e istituzionali, alcuni dei quali già attivi.

Attraverso il progetto Wi-Fi, infatti, sarà possibile fornire ai cittadini nuovi servizi digitali, semplificazioni e trasparenza nei rapporti con la pubblica amministrazione, l'accesso ai servizi di pubblica utilità (dalle informazioni turistiche a quelle sul trasporto pubblico, al traffico, alla sicurezza).

L'accesso diffuso dei cittadini alla rete e alla tecnologia più in generale, costituisce un importante e irrinunciabile fattore di crescita e integrazione, secondo i principi di democrazia ed equità, in grado di favorire occupazione, aggregazione e sviluppo economico.

Chi accede alla rete tende a utilizzarla in maniera sempre maggiore, perché ne comprende le potenzialità e ne sfrutta i servizi. Con l'accesso al Wi-Fi capillare in tutta la città si ridurrà sensibilmente il ‘digital divide’ attraverso la possibilità offerta a tutti di provare e sperimentare l'uso di internet.

La diffusione del Wi-Fi dell'Amministrazione comunale avverrà attraverso il ‘modello aperto’ che permetterà la federazione delle reti già esistenti, così da garantire la più ampia distribuzione di punti di accesso e il più alto livello di partecipazione da parte di tutti i soggetti pubblici e privati che operano nel settore e che volessero far parte del progetto.

Il stanziamento approvato sarà di 6 milioni di euro, che potrebbe scendere grazie a bandi internazionali e partnership con i privati.

Sistema Operativo: 
Contenuto: 
Oggetto: 

  • moon182

    Ok la rincorsa al processore più veloce, ma la batteria come si comporterà con cotanta "potenza"?
    E poi un punto cruciale sarà la dotazione di memoria RAM quì non citata e pure la risoluzione dello schermo, altro aspetto che tende ad appensantire il funzionamento dello smartphone…

    Davide.

    • mimmo43

      RAM 128 Mb (non tantissima)

      Display 640×480 a 65mila colori.

      Batteria Li-Ion 1300 mAh