Home > Applicazioni > Microsoft annuncia una sezione del copia e incolla sincronizzata fra Windows, Android e iOS

Microsoft annuncia una sezione del copia e incolla sincronizzata fra Windows, Android e iOS

Microsoft Cloud Clipboard

Durante il secondo giorno della Build 2017 tenuta da Microsoft per mostrare tutte le novità del prossimo futuro agli sviluppatori interessati, è stata annunciata una funzionalità molto interessante che vede coinvolto non solo il sistema operativo Windows 10 ma anche Android e iOS. Stiamo parlando di una sezione del copia e incolla universale sincronizzato fra tutti gli OS grazie al cloud.

Il concetto di base è lo stesso che muove il servizio di Pushbullet per sincronizzare tutti gli appunti e tutte le porzioni di testo copiate. Tuttavia, Microsoft lo ha portato a un nuovo livello. Relativamente ad Android e iOS, grazie all’integrazione all’interno della tastiera Swiftkey (acquisita da Microsoft diversi mesi fa) sarà possibile accedere a tutta la cronologia di appunti e testi copiati, indipendentemente se lo abbiamo fatto dal PC, dal tablet o da un altro smartphone.

Il tutto si basa su una nuova piattaforma chiamata Microsoft Graph che si espande a dismisura anche in altre aree. Per tutte le applicazioni che non verranno aggiornate per supportare Microsoft Graph, a venirci incontro per offrire un aiuto sarà l’app di Cortana.

Cloud Clipboard Windows, Android e iOS

Microsoft conta di introdurre questa feature in autunno

Al momento comunque il colosso americano ha solo annunciata questa feature mentre, per l’arrivo effettivo su tutti i PC egli smartphone, sarà necessario attendere fino all’autunno, quando il colosso di Redmond rilascerà Windows 10 Fall Creators Update.

C’è da dire però che Microsoft sembra aver gettato la spugna con Windows 10 Mobile, visto che la maggior parte delle funzionalità inerenti il settore mobile non sono esclusive di Windows 10 Mobile ma sono disponibili anche su Android e iOS. In pratica, il compito dell’azienda sembra essere quello di aver successo su Android e iOS.

VIA  FONTE