Home > Android > LG G3 in arrivo per il 17 Maggio: display 5,5″ QHD

LG G3 in arrivo per il 17 Maggio: display 5,5″ QHD

Nel pomeriggio di ieri è arrivato sulla scrivania della nostra redazione l'HTC One S, pronto a divenire il protagonista di una nuova approfondita recensione. Ecco le nostre prime impressioni

HTC One S

Sono trascorse meno di 24 ore dall'arrivo in redazione dell'HTC One S, smartphone che si pone a metà nella nuova serie Android del produttore asiatico, tra il più grande One X ed il più economico One V.

L'HTC One S, pertanto, non è un top di gamma, quantomeno non sulla carta. Questo perchè basta prendere in mano il device, assaporare i materiali con cui è stato realizzato o navigare tra i menu per accorgersi che qualcosa non quadra.

L'HTC One S, infatti, è solido ed assolutamente esente da scricchiolìi. In mano si percepise la grande qualità dei materiali utilizzati dal produttore asiatico per la sua realizzazione, il vetro del display e l'alluminio della scocca.

E l'aspetto software non pare essere da meno, quantomeno in queste prime ore di utilizzo intenso. Tutto scorre fluido e il connubio tra Android 4.0 Ice Cream Sandwich e l'interfaccia Sense 4.0, supportato dal processore dual core Qualcomm Snapdragon S4 da 1,5GHz e 1GB di RAM, garantisce un'esperienza di utilizzo decisamente superiore alla media. Impuntamenti, crash o esitazioni sono degli sconosciuti per questo HTC One S.

Infine l'autonomia, argomento molto caro a tutti gli utenti preoccupati dalla scelta di HTC di dotare l'One S di una batteria da 1.650 mAh non removibile. Pur essendo prematuro esprimere dei giudizi, questa mattina abbiamo utilizzato lo smartphone senza crearci troppi scrupoli, con smanettamenti continui, navigazione sul Web, Twitter, qualche foto, Whatsapp, alcune email e un paio di brevi telefonate. Dopo circa 6,5 ore la batteria era ancora al 60% (con quasi 2 ore di display acceso). Le premesse per arrivare a sera senza eccessivi problemi sembrano esserci tutte.

Ovviamente nei prossimi giorni metteremo l'HTC One S a dura prova con i nostri vari test per scoprire se queste iniziali impressioni troveranno conferma anche con un utilizzo intenso.

Prima di lasciarvi alla galleria di immagini live dello smartphone, infine, vi diamo sin d'ora appuntamento agli approfondimenti (incluso quello relativo alla navigazione sul Web), ai video e, infine, alla recensione completa dell'HTC One S.

Immagini: 
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
HTC One S
Scheda Tecnica: 
Sistema Operativo: 
Contenuto: 
Oggetto: 
Produttori: 

Secondo delle fonti coreane, LG rivelerà per il giorn0 17 Maggio il suo prossimo flagship, il G3. Si rumoreggiano un display 5,5″ QHD ed il SoC proprietario di LG denominato Odin.

g3

Tale data di presentazione accorcia l’ usuale intervallo di aggiornamento pari ad un anno: molto probabilmente è stata una scelta fatta per competere meglio con il prossimo flagship di Samsung, il Galaxy S5.

Come già detto, lo schermo sarà un unità a risoluzione QHD (2560×1440) di diagonale pari a 5,5 pollici: è stato apportato un leggero upgrade rispetto ai 5,2 pollici che caratterizzano il G2.

Inoltre si pensa che la fotocamera posteriore sia un unità da 16 megapixel munita di tecnologia OIS (Optical Image Stabilization).

Il SoC usato nel dispositivo, a quanto pare, sarà l’ Odin di LG, che sarà il primo nato della gamma di processori per il mondo mobile progettati dal produttore coreano, che ha deciso di iniziare a progettare in casa i chip da usare per i propri dispositivi, sulla scia di concorrenti come Samsung (che produce i SoC Exynos) ed Huawei (che tramite la sussidiaria HiSilicon produce SoC proprietari come il K3V2), per ridurre la dipendenza da aziende del settore esterne come Qualcomm (produttrice dei SoC Snapdragon).

Odin dovrebbe avere una CPU composta da 8 core configurati in big.LITTLE (molto probabilmente in implementazione HMP, che permetterà di sfruttare tutti i core contemporaneamente): 4 core ad alte performance basati su architettura ARM Cortex A15, ed altri 4 core a basso consumo basati su architettura ARM Cortex A7. La GPU integrata nel SoC dovrebbe essere invece una Imagination Technologies PowerVR Series6 (non si conosce il modello preciso).

G3 non dovrebbe essere comunque il primo telefono con display QHD prodotto da LG: si rumoreggia anche del successore di Optimus G Pro, ovvero LG G Pro 2, che dovrebbe essere presentato al MWC 2014, che si svolgerà a Febbraio. G Pro 2 dovrebbe montare uno schermo appunto QHD, ma da 5.9 pollici (visto che il suffisso “Pro” indica che è un phablet), e che dovrebbe, come tale, battere sul tempo la concorrente Samsung su tale traguardo.

Non ci resta che attendere altre notizie su LG G3. Allo stato attuale delle cose, che aspettative avete per il nuovo flagship del produttore coreano?

Via