Home > Apple > L’App Store nel 2018 ricaverà 40 miliardi di dollari, tanto quanto l’industria cinematografica

L’App Store nel 2018 ricaverà 40 miliardi di dollari, tanto quanto l’industria cinematografica

Il successo dell’App Store non accenna a diminuire e anzi, nel 2018, toccherà nuovi record di ricavi. Stando a una nuova ricerca di mercato, per il 2018 vi è una previsione di ricavi pari a 40 miliardi di dollari, ovvero tanto quanto l’intera industria cinematografica.

Apple ha fra le mani una vera e propria miniera d’oro, con numeri sempre più elevati e, di conseguenza, ricavi sempre più elevati per le sue casse e per quelle degli sviluppatori (non a caso si preferisce dapprima sviluppare per iOS e successivamente per Android).

Al contrario, il Google Play Store continuerà si a crescere e si a mantenere un numero più elevato di download ma la forbice del ricavato nel 2018 con App Store sarà ancora più ampia rispetto a quanto visto nel 2017

Tenendo a mente tutte le possibili variabili già previste per il 2018 dell’App Store, l’analista che ha elaborato questa previsione ha notato che:

  • La spesa su App Store ha aggiunto circa i 5 miliardi di dollari all’anno a partire dalla metà del 2011.
  • I fatturati supereranno nel 2018 i ricavi globali dell’industria cinematografica.
  • L’App Store sta diventando una delle più grandi imprese al mondo.
  • L’economia di iOS potrebbe raggiungere il tasso di entrate di mezzo trilione nel 2019.
  • Il valore economico nel 2017 è stato di circa 180 miliardi.
  • iOS consente circa il 50% al 60% dell’attività economica mobile.
  • Il tasso di pagamento di 25 miliardi all’anno anno ha oscurato le entrate di McDonald’s Corporation nel 2016.
  • Durante quest’anno gli utenti iOS spenderanno circa 100 milioni al giorno per le app. Questo è stato il tasso di entrate AdWords di Google nel 2012.
  • Le app, il componente più importante dei servizi Apple, hanno aiutato questo segmento a superare i 57 miliardi di dollari nel 2017, superando il livello di Fortune 100 (al netto dei pagamenti degli sviluppatori).

VIA  FONTE