Home > Apple > iOS 12.1: disponibili FaceTime di gruppo e nuove emoji per iPhone e iPad

iOS 12.1: disponibili FaceTime di gruppo e nuove emoji per iPhone e iPad

Se da una parte Apple è impegnata a presentare il nuovo Macbook Air, il nuovo Mac Mini e il nuovo iPad Pro ci sono novità anche a livello software dato che da oggi sarà disponibile iOS 12.1 che introduce alcune novità. 

Questa nuova versione di iOS introduce il Controllo della Profondità di campo nelle anteprime in tempo reale e il supporto per la tecnologia Dual SIM su iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR, ma anche FaceTime di gruppo e oltre 70 nuove emoji su iPhone e iPad.

Ecco le novità nel dettaglio:

  • FaceTime di gruppo: Con iOS 12.1, FaceTime offrirà modi semplici per aggiungere un’altra persona, unirsi ad una chiamata FaceTime già in corso, o usare gli stessi effetti della fotocamera disponibili in Messaggi per aggiungere sticker, filtri o apparire ad amici e familiari come un Animoji o un Memoji. Quando si riceve un invito, le persone possono scegliere se unirsi utilizzando l’audio o il video sul proprio iPhone, iPad e Mac.
  • Nuove Emoji: oltre 70 nuove emoji arrivano su iPhone e iPad con iOS 12.1, fra cui nuovi personaggi con i capelli rossi, grigi e ricci, un’emoji per le persone calve, ancora più faccine che rappresentano emozioni e caratteri aggiuntivi per animali, sport e cibo.
  • Controllo della profondità nella fotocamera: con iOS 12.1, gli utenti possono ora regolare dinamicamente la profondità di campo nelle anteprime in tempo reale, oltre che dopo lo scatto, consentendo un maggiore controllo per creare splendidi ritratti con sfocatura dello sfondo. La modalità Ritratto con Controllo della profondità è disponibile anche sulla fotocamera TrueDepth per i selfie, che include Memoji e il supporto per tracciamento facciale più veloce per le app ARKit di terze parti.
  • Dual SIM: con iOS 12.1, su iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR arriva il supporto per la Dual SIM, con un nano-SIM e una eSIM digitale. Quest’ultimo è un aspetto da valutare nei prossimi mesi in Italia perché dipenderà tutto dal supporto a questa tecnologia da parte dei nostri operatori. 

 

Via – Press Release