Home > News > Il video demo del TIM Appstore

Il video demo del TIM Appstore

Lo staff di TIM ha pubblicato su YouTube il video demo del TIM Appstore, unteressante soluzione pensata dall'operatore mobile per offrire ai propri clienti tutta una serie di contenuti speciali direttamente sul proprio device.

TIM Appstore

Grazie al TIM Appstore, infatti, gli utenti hanno a propria disposizione su smartphone e tablet (già supportati Symbian, Android, BlackBerry) un portale dal quale scaricare applicazioni, giochi ed utility varie.

Un'interfaccia semplice ed intuitiva caratterizza il TIM Appstore, che sarà preinstallato sui nuovi smartphone commercializzati dall'operatore mobile.

Non ci resta che lasciarvi al video demo del TIM Appstore. Buona visione:


TIM Appstore

Fonte: TIM

Sistema Operativo: 
Contenuto: 
Operatori: 

Lo staff di TIM ha pubblicato su YouTube il video demo del TIM Appstore, unteressante soluzione pensata dall'operatore mobile per offrire ai propri clienti tutta una serie di contenuti speciali direttamente sul proprio device.

TIM Appstore

Grazie al TIM Appstore, infatti, gli utenti hanno a propria disposizione su smartphone e tablet (già supportati Symbian, Android, BlackBerry) un portale dal quale scaricare applicazioni, giochi ed utility varie.

Un'interfaccia semplice ed intuitiva caratterizza il TIM Appstore, che sarà preinstallato sui nuovi smartphone commercializzati dall'operatore mobile.

Non ci resta che lasciarvi al video demo del TIM Appstore. Buona visione:


TIM Appstore

Fonte: TIM

Sistema Operativo: 
Contenuto: 
Operatori: 

  • Waco Kid

    SE dovrebbe svegliarsi e buttare fuori qualche smartphone in più! L’X1 è un bel terminale ma è troppo isolato… si è visto anche con i vecchi Pxx.. facevano solo top di gamma senza accordi commerciali con gli operatori per venderli a prezzi accessibili…  e alla fine è stato un flop, nonostante la bontà dei terminali UIQ.

    Se non lanciano alla svelta altri smartphone, anche di fascia media e non solo top di gamma, la vedo dura… ormai dovrebbe essere chiaro anche ai vertici di SE che l’idea di puntare sui telefoni musicali non paga, è inutile continuare a farsi del male.