Home > Apple > I futuri visori AR di Apple rappresenteranno una rivoluzione pari all’iPhone 10 anni fa

I futuri visori AR di Apple rappresenteranno una rivoluzione pari all’iPhone 10 anni fa

Apple ARKit

Il primo impatto avuto con i visori AR non è stato certo dei migliori. I Google Glass infatti si sono dimostrati prima un grande flop e successivamente una buona soluzione per l’utilizzo industriale. In molti credono però che il settore della realtà aumentata sta aspettando solo Apple per emergere ed imporsi definitivamente.

Stando fra l’altro a quanto scritto dall’analista Tony Sacconaghi nel suo ultimo report, i visori AR di Apple orientati alla realtà virtuale rappresenteranno per il mercato (e per le casse di Apple) una nuova rivoluzione pari a quella che vi è stata esattamente 10 anni fa con il primo iPhone:

Gli smartglass potrebbero generare decine di miliardi di dollari in vendite hardware annuali per Apple. Confrontandolo con l’ultimo lancio del prodotto consumer più professionale che ha al momento Apple, l’iPad, riteniamo che gli occhiali intelligenti possano avere molto più successo nel tempo.

I visori Ar di Apple genereranno 25 miliardi di ricavi nei primi 3 anni

Volendo snocciolare poi qualche numero, Tony Sacconaghi suppone che entro il primo anno la percentuale di adozione sarà del 2% degli utenti, per poi salire al 5% al 3° anno generando così un ricavo pari a 25 miliardi di dollari l’anno per il colosso di Cupertino. Esattamente poi come sta succedendo con gli smartwatch, pur non detenendo la vetta della classifica delle vendite, Apple guiderà a mani basse quella dei ricavi.

Insomma, Apple ha iniziato un processo di sviluppo con iOS 11 e con il suo ARKit che la porterà ad avere fra le mani una nuova rivoluzione tecnologica. C’è da dire che “sul pezzo” c’è anche Microsoft e la sua versione di mixed reality sviluppata attorno a Windows 10 e in collaborazione con molti partner.

VIA