Home > News > I 5 fatti sorprendenti su Facebook che quasi sicuramente non saprai

I 5 fatti sorprendenti su Facebook che quasi sicuramente non saprai

Facebook TV

Facebook: con il suo miliardo e 400 milioni di utenti, che se fosse un Paese, avrebbe più abitanti della Cina. Anche se Whatsapp e Twitter unissero tutti i loro utenti, non sarebbero in grado di superarlo. Ma questo enorme numero non è l’unica curiosità su quello che è – molto probabilmente – il tuo social network preferito. Abbiamo trovato infatti altri 5 fatti sorprendenti che probabilmente non conoscevi su Facebook.

1. Perché Facebook è blu?

Iniziamo dalla base. Sará blu perché si tratta di un colore che rilassa? No. Il colore del social network più famoso è dovuto al fatto che Mark Zuckerberg, il fondatore, è daltonico verso il rosso e il verde e voleva che la sua creazione avesse un colore che potesse riconoscere facilmente. In realtà, nei siti più popolari del web, le tonalità del blu e dell’azzurro sono utilizzate quasi il doppio delle volte rispetto a quelle del giallo e del rosso; si prenda, per esempio, Twitter e Google. Il blu in effetti evoca sicurezza, affidabilità, serenità. La scelta di Zuckerberg si è rivelata un colpo di fortuna casuale, ma in genere il processo di selezione dei colori ufficiali per il lancio di un nuovo prodotto richiede un’analisi molto più complessa. Ad esempio, i consumatori impiegano circa 90 secondi per giudicare un marchio, e poiché la visione è il senso umano più sviluppato, il 90% dell’attenzione che rivolgiamo a un logo viene catturato dal suo colore.

Facebook

2. Quanto vale un utente di Facebook?

Investire nella pubblicità su una piattaforma online significa aspettarsi – ovviamente – un ritorno economico. L’investitore ovviamente vuole fare soldi, ma non è solo l’investitore che guadagna qualcosa. Anche la piattaforma infatti, riscuote una commissione come intermediario tecnologico tra investitore e utente finale o consumatore. E questo è anche il caso di Facebook. In Facebook, possiamo trovare annunci pubblicitari sui più svariati argomenti come abbigliamento, agenzie di viaggio, corsi online oppure trovare anche i migliori casinó online sicuri e affidabili o, ancora, offerte temporanee nei piú svariati settori.

Il ricavo medio per ciascun utente della piattaforma è di circa 2 dollari, che può sembrare basso, ma se lo moltiplichiamo per il numero di utenti totali? Tanto basso non è…

Facebook

3. Un nuovo disturbo

Facebook è così famoso che i medici hanno dovuto inventare il nome per una nuova malattia: il disturbo da dipendenza da Facebook. Questo può diventare un problema reale che può influenzare negativamente le emozioni e il comportamento delle persone. È causato dalla mancanza di “Mi piace”, notifiche, messaggi … in breve, dalla sospensione – temporanea – di tutte quelle attività che ci danno la sensazione di esistere, di essere in comunicazione con qualcuno e di avere quindi conferma delle nostre relazioni, umane o virtuali che siano.

Facebook

4. L’inattività è costosa

Ogni minuto di inattività dovuto a interruzioni di varia natura costa a Facebook circa 24.420 dollari. Nell’agosto 2014, c’è stato un grave collasso di Facebook dalle 18.52 alle 19.27 (fuso orario orientale) che ha rappresentato una perdita di 854.700 dollari! Tuttavia, considerando le entrate annuali di Facebook, anche una tale perdita può essere facilmente superata.

facebook

 

5. Il potere dei post

  • I post pubblicati tra le 10:00 e le 23:00 ricevono circa l’88% in più di interazioni, in media, di quelle pubblicate in altri momenti della giornata
  • Inserire una domanda al termine di un post aumenterebbe le interazioni del 162%
  • I messaggi con un’immagine ottengono il 179% in più di interazioni, in media
  • I post più condivisi sono video, con una media di 89,5 condivisioni

Facebook annunci di lavoro