Home > News > HTC Desire 500 ufficiale in Italia

HTC Desire 500 ufficiale in Italia

Desire-500-blue-Horizontal-Oblique-HiRGB-Render

Sebbene tutti gli occhi, e l’attenzione della stessa società, siano puntati interamente sul prossimo phablet del colosso taiwanese, ovvero l’HTC One Max, che ricordiamo potrebbe esser presentato a breve dopo i video teaser lanciati sui profili sociali del brand, torna ugualmente a far parlare di se un altro modello altrettanto interessante, seppur destinato ad una fascia di mercato completamente differente, ovvero l’HTC Desier 500.

La rivisitazione in chiave moderna del celebre Desire è infatti stata annunciata ufficialmente circa un mese fa, salvo poi perdersene le tracce almeno sino ad oggi quando con un comunicato ufficiale, HTC ne ha annunciato l’arrivo sul mercato EMEA, un acronimo utilizzato per identificare una vasta area commerciale che spazia dall’Africa all’Europa, in quest’ultimo caso coinvolgendo anche l’Italia dove sono diversi gli estimatori del marchio taiwanese e soprattutto del modello in questione che col suo predecessore ha riscosso un notevole successo.

Le aspettative per l’HTC Desire 500 sono anche in questo caso buone, considerando la componentistica hardware che prevede: un processore Qualcomm Snapdragon 200 con CPU quad-core completato da 1 GB di memoria RAM e 4GB di storage interno, sebbene sia espandibile tramite slot microSD, il tutto completo di display da 4,3 pollici WVGA, di doppia fotocamera da 8 megapixel, la posteriore, ed 1,3 megapixel, l’anteriore, alimentato da una batteria da 1800 mAh e con la tecnologia NFC. La peculiarità del modello consiste però nell’interfaccia, ovvero quella Sense 5.0 completa di Blinkfeed, esclusiva invidiata dai principali competitors ad HTC e che ne arricchisce senz’altro il valore.

Secondo quanto stabilito dal colosso taiwanese il modello sarà reso disponibile a partire da Agosto, quindi in questo mese, ad un prezzo che sarà leggermente inferiore ai 300 euro, stando al cambio attuale di valuta, col quale è stato inizialmente proposto sul mercato nativo, quindi a Taiwan, nella fase di startup, per cercare di renderlo ancor più competitivo rispetto alle alternative attualmente presenti sul mercato.