Home > News > Gesture: una sedia che ci aiutera nell’utilizzo di smartphone e tablet

Gesture: una sedia che ci aiutera nell’utilizzo di smartphone e tablet

Il futuro di WebOS inzia ad assumere contorni sempre più neri. Nonostante l'intenzione di continuare a supportare la piattaforma, il recente annuncio della riduzione del personale addetto allo sviluppo di WebOS pone seri dubbi sulla possibilità di sviluppo del sistema operativo da parte di HP.

hp webos

HP ha confermato in una nota riportata da AllThingsD la volontà di procedere alla riduzione di personale. Questa il testo completo:

“As communicated on August 18, HP will discontinue the development of webOs devices within the fourth quarter of fiscal year 2011, which ends Oct 31 2011. As part of this decision, the webOS GBU is undergoing a reduction in workforce. Today’s actions are part of this initiative. During this time, we stand by our commitment to our webOS customers and will work to ensure that support and service for customers are not adversely affected. HP is exploring ways to leverage webOS software.”

HP non ha specificato l'esatto numero di impiegati che dovranno lasciare l'azienda, ma fonti ben informate averebbero confermato ad AllThingsD che si tratterebbe di 525 lavoratori. HP nella nota rassicura sul supporto che continuerà ad essere accordato ai clienti che hanno scelto un dispositivo WebOS, ma la decisione resta comunque indicativa della volontà di ridurre non solo la produzione dell'hardware, ma anche le risorse destinate allo sviluppo software di WebOS.

Nell'ultima parte della nota HP chiarisce è ancora in fase di valutazione sui possibili modi per mettere a frutto la piattaforma. Le ipotesi non confermate in via ufficiale fanno riferimento ad una possibile cessione della piattaforma a terze parti (vendendola del tutto o consentendone solo l'utilizzo è ancora tutto da stabilire).

Fonte: AllThingsD via TechnoBuffalo

Sistema Operativo: 
Contenuto: 
Produttori: 

A giorno d’oggi non possiamo più fare a meno di smartphone,tablet e pc. Dalla nascita del primo smartphone fino ad adesso le cose sono cambiate. Adesso sembra che anche le sedie cambieranno. Si chiama Gesture ed è una sedia prodotta da SteelCase,società tedesca specializzata in arredo da ufficio. Il nome ricorda molto le gestures che utilizziamo nei nostri telefonini e di fatti c’è una relazione tra di loro. La poltrona è in grado di cambiare struttura a seconda di che dispositivo noi stiamo utilizzando (tablet e smartphone) ispirandosi volutamente ai movimenti che facciamo utilizzando questi device.

Determinate posture possono provocare dolori muscolari, se errate, e quindi anche scrivere messaggi o usare i tablet nella maniera sbagliata possono provocarci dei problemi; ed ecco che entra in gioco Gesture che grazie ad un meccanismo integrato fa oscillare contemporaneamente sedia e schienale in modo di non crearci questi problemi

Il prezzo non è stato ancora comunicato dall’azienda tedesca ma sicuramente non sarà basso. Il debutto? Autunno 2013.