Home > Android > Galaxy Note 3 Neo: specifiche trapelate svelano la CPU esacore

Galaxy Note 3 Neo: specifiche trapelate svelano la CPU esacore

Mancherebbe poco più di un mese al lancio dell'atteso Samsung GALAXY Note 2. Ed il produttore coreano starebbe già preparando l'apposito evento Unpacked

Samsung GALAXY Note

Ormai da diverse settimane il Samsung GALAXY Note 2 è al centro di una serie di indiscrezioni che provano ad anticiparne le principali presunte feature e la possibile data di presentazione ufficiale.

Per quanto riguarda quest'ultimo aspetto, sono sempre più insistenti i rumors secondo cui il device dovebbe essere lanciato in occasione dell'IFA 2012 di Berlino e nelle ultime ore sembra essere arrivata una conferma ufficiosa.

Stando, infatti, a quanto pubblicato dal sito coreano DDaily, Samsung avrebbe organizzato uno dei suoi noti Unpacked Event per giovedì 30 agosto, il giorno precedente l'inizio della manifestazione tedesca. Se non si tratta di una conferma a tutti gli effetti, poco ci manca.

Ricordiamo che, stando alle indiscrezioni più insistenti, tra le principali feature del Samsung GALAXY Note 2 dovremmo trovare un display da 5,5 pollici con risoluzione 1680 x 1050 pixel, 1,5 o 2GB di RAM, il supporto alla tecnologia LTE, Android 4.1 Jelly Bean, un processore quad-core e la nuova interfaccia TouchWiz Nature UX.

Immancabili, ovviamente, il pennino integrato e le varie applicazioni sviluppate dal produttore coreano per esaltarne le potenzialità.

Sistema Operativo: 
Contenuto: 
Oggetto: 
Produttori: 

Da dei documenti trapelati da GSMArena abbiamo la possibilità di dare un occhiata ad un nuovo terminale Samsung, il Galaxy Note 3 Neo. Potrebbe essere anche il Galaxy Note 3 Lite di cui si parla ultimamente, questo perchè lo smartphone, in determinati punti, ricorda il vecchio Galaxy Note II.

note 3 neo

Prima di tuffarci nei dettagli, dalla tabella comparativa con Galaxy Note II e Galaxy Note 3 evidenziamo un importante aspetto del nuovo Note 3 Neo: è menzionato uno strano SoC munito di CPU esacore, ovvero composta da 6 core, di cui 2 core sono operanti a 1.7 GHz ed i restanti 4 core sono operanti a 1.3 GHz. Sono sconosciute al momento le architetture delle CPU sulle quali è basato il SoC, e la GPU utilizzata da quest’ ultimo.

note 3 neo

Data la differenza di frequenza dei due gruppi di core, si pensa che il SoC sia basato attorno alla tecnologia big.LITTLE di ARM, dove coesistono due cluster di core, uno composto da core ad alte performance e l’ altro composto da core a basso consumo. Non si sa se i 6 core potranno essere usati contemporaneamente come in un SoC sprovvisto di tecnologia big.LITTLE o meno (core a basso consumo spenti quando il dispositivo usa i due core ad alte performance in situazioni di alto carico, e viceversa): esistono due diverse implementazioni della tecnologia in questione.

In Note 3 Neo abbiamo anche un display Super AMOLED a risoluzione HD (1280×720) da 5,5 pollici, una batteria da 3100 mAh, 2 GB di RAM e 16 GB di memoria interna. Sono tutti punti in comune con il vecchio Note II. Sarà da vedere come si comporterà il SoC esacore in confronto al normale quad core di cui è equipaggiato il secondo modello della nota serie.

note 3 neo

Samsung rilascia anche una tabella comparativa semplificata di Note 3 Neo contro i due altri modelli della serie Note. Rispetto a Note II, oltre al SoC esacore, viene menzionata la finitura “faux leather” della back cover, le funzioni della S-Pen più evolute, ed altre feature migliorate (come il Multi Windows). Qui sotto, invece, vi lasciamo ad una tabella comparativa tra Note 3 Neo e lo smartphone flagship di casa Apple, l’ iPhone 5S.

note 3 neo

Via