Home > News > Fotocamera con zoom ottico sugli smartphone: ecco come sarà il futuro

Fotocamera con zoom ottico sugli smartphone: ecco come sarà il futuro

Il miglioramento del comparto fotografico negli smartphone è in crescita continua, con dispositivi che possono vantare delle qualità fotografica molto avanzate, come per esempio i recenti Sony Xperia Z2 o il Samsung Galaxy S5. L’unico traguardo ancora inarrivabile sembra essere quello di avere uno zoom ottico sugli smartphone, ma anche questo potrebbe essere raggiunto. L’azienda tecnologica Corephotonics ha sviluppato un particolare sensore fotografico per smartphone capace di offrire uno zoom ottico per le foto senza perdita di definizione. Per il momento esso non è impiegato in nessun smartphone, però è interessante vedere cosa ci riserva il futuro da questo punto di vista.

zoom ottico sugli smartphone

Come potete vedere dalle immagini, il prototipo di Corephotonics sfrutta due differenti sensori, uno grandangolare e uno per riprese più strette. Non appena entrambi i sensori fotografici scattano una determinata fotografia, entra in gioco un particolare processore di immagini (ISP) che le combina e le fonde per ottenere la foto finale. Per poter sfruttare tale tecnologia, non c’è bisogno che di un micro processore che la supporti: per nostra fortuna il Qualcomm Snapdragon 800 è uno di essi (forse l’unico), ed è per questo che Corephotonics ha realizzato questo suo prototipo in stretta collaborazione con Qualcomm.

Lo zoom ottico sugli smartphone porterà notevoli vantaggi

I vantaggi di questa soluzione sono molteplici: per esempio si potrà sfruttare la massima risoluzione possibile nelle foto anche con un zoom molto spinto, in modo che l’immagine finale risulti a risoluzione piena e senza rumore. Per quanto riguarda questo prototipo, lo zoom massimo arriva a 3x nel caso delle foto e a 5x nel caso dei video. Anche la velocità di autofocus ne beneficerà, in quanto il processore d’immagine combinerà i dati catturati da entrambi i sensori per calcolare la distanza effettiva del soggetto inquadrato invece della classica tecnologia della rilevazione del contrasto.

E i lati negativi? Ovviamente sono presenti. Uno di essi e forse il più importante è la dimensione di questo prototipo: esso misura 6,5 mm di profondità che può sembrare poco ma se paragonato agli spessori dei moderni smartphone, è davvero tanto. Quindi ci dovrà essere un compromesso con la sottigliezza se si vorrà questo sensore con zoom ottico sugli smartphone.

VIA