Home > News > Fitbit e Xiaomi le vere sorprese del Q1 del settore wearable

Fitbit e Xiaomi le vere sorprese del Q1 del settore wearable

Nonostante l’Apple Watch si stato lo smartwatch che ha portato il maggior numero di introiti nel primo trimestre, la palma di maggior produttore di wearable va a Fitbit. Stando infatti ai dati pubblicati ieri da IDC e relativi al primo trimestre del 2016, Fitbit è stata l’azienda col più elevato market share (24,5%), riuscendo a vendere circa 4,8 milioni di wearable.

La cosa però ancora più impressionante è la seconda posizione occupata da Xiaomi. Il colosso cinese, che all’attivo ha solamente due wearable (Mi Bande e Mi Band 1S), è riuscita a spedire circa 3,7 milioni di unità, ottenendo un market share del 19%. Questo nonostante la vendita ufficiale avviene solamente in alcuni mercati selezionati dell’Asia, a differenza di quanto fanno Fitbit ed Apple che operano in tutto il mondo.

Wearable Q1 2016 IDC

Xiaomi è stata anche l’azienda con il più elevato tasso di crescita rispetto al primo trimestre dell’anno scorso, con il 41,8%. A seguire troviamo Garmin, Fitbit e Samsung. Apple è assente da questa classifica visto che l’Apple Watch non era stato ancora commercializzato nel Q1 2015.

Insomma, la popolarità di Xiaomi e Fitbit è riuscita a superare quella di Apple, soprattutto per via dei prodotti che sono stati messi in vendita a prezzi decisamente differenti. Siamo certi che questi numeri si ripeteranno anche per quanto riguarda il secondo trimestre dell’anno.

VIA