Home > Apple > FBI ha usato le dita di persone morte per sbloccare i loro iPhone… Ma col Face ID sarebbe impossibile

FBI ha usato le dita di persone morte per sbloccare i loro iPhone… Ma col Face ID sarebbe impossibile

Apple Touch ID

L’impronta digitale di un uomo non cambia nel corso della vita… e nemmeno dopo che si è morti. A questo proposito, sono molti i casi in cui la polizia utilizza il dito di una persona morta per sbloccare il suo smartphone e ottenere delle informazioni.

Se vi siete chiesti quali sono le implicazioni legali dello sblocco dell’iPhone di una persona morta, sembra che non ce ne siano, almeno per quanto riguarda l’applicazione della legge americana. Le dita di una vittima deceduta sono un gioco equo quando si parla di Touch ID, dice in un’intervista Bob Moledor, specialista dell’FBI forense, anche se con il Face ID di iPhone X sta attualmente presentando problemi, anche perché gli occhi devono essere aperti.

Non che ti interessi delle autorità che sbloccano gli smartphone di persone decedute, ma la storia del primo caso registrato della polizia che cerca di sbloccare il portatile con le sue impronte digitali dopo la sua morte è un’affascinante area grigia legale.

Il colpevole fuorilegge in questione è nientemeno che Abdul Razak Ali Artan, un attentatore di ispirazione ISIS che, nel novembre 2016, ha speronato con il suo veicolo delle persone vicino all’Ohio State University, poi ha cercato di fuggire prima di essere ucciso a colpi d’arma da fuoco. Il sig. Moledor ha detto che hanno applicato la punta del dito al sensore Touch ID su un iPhone 5S, ma alla fine non è stato possibile sbloccare il telefono, che è stato poi inviato ai laboratori forensi dell’FBI per recuperare le informazioni.

Tuttavia, è stato stabilito un precedente, e oggigiorno lo sblocco post-mortem di uno smartphone negli USA è evidentemente una pratica comune, suggeriscono alcuni ufficiali di polizia anonimi.

Per quanto riguarda Face ID di iPhone X, secondo l’agente Moledor è più complicato: “Non so che sia già stato usato, probabilmente sarà come usare l’impronta digitale. Dovrebbe funzionare ma non ne sono sicuro.”

VIA  FONTE