Home > News > Doppio sensore fotografico da 5 MP presentato da Toshiba

Doppio sensore fotografico da 5 MP presentato da Toshiba

doppio_sensore_fotografico_1

Ancora novità in ambito mobile dall’azienda nipponica Toshiba, questa volta vi parliamo della presentazione di un innovativo doppio sensore fotografico da 5 megapixel per smartphone e tablet, che sarà distribuito ai produttori entro la fine del mese di gennaio del nuovo anno.

Senza dubbio la fotografia tramite dispositivi mobili acquista sempre più importanza e, per questo motivo, a riguardo viene posta più attenzione da parte delle aziende produttrici.

Toshiba ci presenta, adesso, un doppio sensore fotografico che potrebbe apportare un importante cambiamento in quest’ambito, sopratutto per quanto riguarda i dispositivi mobili.

Negli ultimi giorni, infatti, l’azienda giapponese ha svelato un’unità con doppio sensore fotografico da 5 megapixel, supportata da un  microchip companion, dedicato alla loro gestione.

Doppio sensore fotografico 5 megapixel Toshiba: come funziona

doppio_sensore_fotografico_2

Evidenziamo fin da subito che non si tratta di un semplice standard 3D, con la doppia fotocamera pronta a sovrapporre le due sequenze e creare questo effetto:  grazie a tale modello, che prende il nome in codice di TCM9518MD, potremo avere scatti fotografici alquanto unici e particolari.

Infatti, il primo sensore è preposto allo cattura tradizionale, mentre il secondo sensore si occupa esclusivamente della cattura degli ulteriori elementi fondamentali quali la profondità di campo, la luminosità, la luce e così via dicendo.

I primi esemplari del doppio sensore fotografico, realizzato da Toshiba, dovrebbero essere distribuiti ai produttori a partire dal 31 Gennaio del 2014.

Si tratta di due piccoli sensori CMOS da 0,25 pollici in grado di garantirci immagini 3D-stereo alla massima risoluzione di 13 megapixel, offrendoci, inoltre, la possibilità di variare focus ed altro dopo aver effettuato lo scatto, proprio grazie ai dati acquisiti dal secondo sensore di supporto.

Tutto questo sarà elaborato dal processore companion LSI associato, quindi ogni carico di lavoro, a riguardo, non graverà in alcun modo sul chipset del dispositivo mobile sul quale verrà adottata questa nuova ed innovativa soluzione fotografica.

Le dimensioni particolarmente contenute del doppio sensore fotografico, inoltre, rispondono perfettamente ai requisiti di design richiesti ad oggi da smartphone e tablet, quindi con molta probabilità avremo modo di vedere questa nuova soluzione installata su diversi top gamma in uscita nel prossimo anno.

Via