Home > Apple > Brevettare il mondo: #1 correggere le fotografie tramite software.

Brevettare il mondo: #1 correggere le fotografie tramite software.

La rete continua ad essere popolata di nuovi video di approfondimento dedicati alle principali feature del Nokia Lumia 800 e di Windows Phone 7.5 Mango. Scopriamo come se la cava la relativa applicazione ufficiale di Facebook in confronto a quella per iPhone.

Facebook per iPhone e Nokia Lumia 800

Lo staff di pestaola.gr, infatti, ha pubblicato un video confronto tra le app ufficiali del noto social network per iOS e per Windows Phone: si tratta di due applicazioni simili per molti aspetti, pur non mancando delle differenze dal punto di vista grafico.

La versione per iPhone, infatti, si presenta molto curata ed in seguito ad un recente aggiornamento ha introdotto un nuovo menu con il quale è possibile avere accesso alle principali feature con un solo tocco. La versione per Windows Phone, invece, si caratterizza per l'interfaccia tipica dell'OS di Microsoft, basata sulle pagine a scorrimento laterale.

Quale tra le due versioni sia la più curata o piacevole da utilizzare lasciamo deciderlo a voi. Buona visione:


Facebook - iPhone vs Nokia Lumia 800

Fonte: pestaola.gr

Sistema Operativo: 
Contenuto: 
Produttori: 

Cook, cosa faremo domani?
Quello che facciamo sempre Jony, brevettare il mondo!

Probabilmente a Cupertino le discussioni sono molto simili a questa, tratta dal celebre cartoon. 

L’ultimo brevetto di Apple è un qualcosa di molto interessante. Si tratta di un Software per dire addio alle foto sfocate e con una esposizione errata.

 iphone_camera_view_patent-250x335

Nel brevetto si spiega come spesso può capitare che un piccolo movimento o un angolo non ottimale possano dar vita a foto sfocate o con scarse luce, anche se scattate da una fotocamera di buon livello come quella montata su iPhone. Il brevetto prevede quindi la possibilità che tale fotocamera inizi a scattare una serie di foto prima che l’utente prema il pulsante di scatto. A quel punto, automaticamente iOS andrebbe a controllare l’immagine migliore per poi proporla all’utente stesso.

Un’evoluzione dell’ HDR (High Dynamic Range), il quale scatta 3 fotografie che poi vengono automaticamente assemblate tra loro per ottenere un risultato migliore. Questo però è meno efficente, perchè tra una foto e l’altra ci possono essere variazioni di luce tra le foto e quando vengono sovrapposte il risultato è tragico. senza contare che lo scatto è più lungo e occorre quasi sempre un cavalletto per non avere foto mosse.

questo sistema sceglierà la fotografia qualitativamente miglioregrazie ad una serie di algoritmi. Una volta fatto ciò, il sistema inizierà a fare dei “controlli” sull’immagine, migliorando i contrasti, l’esposizione e le tonalità di colori. La selezione dell’immagine migliore verrà scelta dal dispositivo, ma per quanto riguarda la scelta tra quella corretta e l’originale, ovviamente l’ultima parola sarà la nostra.