Home > News > Il brand Google vale più di Apple

Il brand Google vale più di Apple

Google

La notizia di oggi riguarda Google ed Apple, due delle più importanti società al mondo. La prima ha superato la seconda nella speciale classifica mondiale stilata annualmente da Millward Brown, una compagnia che si occupa di ricerche di mercato specializzata nei brand, nei media e nelle comunicazioni. Il dato è emerso dopo le ultime ricerche nel settore e dopo aver analizzato tutte le principali compagnie mondiali. Oggi possiamo definitivamente dire che il brand Google vale più di Apple.

Nell’ultimo periodo Google sarebbe cresciuta del 40% rispetto alla concorrenza, scalzando così Apple dal gradino più alto del podio. Millward Brown riporta inoltre il dato che vede la società di Cupertino in perdita rispetto allo scorso anno di ben il 20%, cifre che hanno contribuito a scalzarla dal primo posto in favore di Google. La società con sede a Mountain View sarebbe ora il marchio più famoso e prestigioso al mondo. I suoi prodotti sono i più conosciuti ed usati sul pianeta e dobbiamo dire che il dato non ci sorprende, vista la quantità di ambiti in cui Google affonda le sue mani.

Veniamo ai numeri. Il marchio Google varrebbe ben 158,9 miliardi di dollari, mentre quella Apple si attesta sui 147,9. Seguono IBM con 107,5 miliardi e Microsoft con 90. Un quartetto tutto a marchio tecnologico che ha annientato colossi del calibro di McDonald’s, Coca Cola e Amazon. La classifica stilata da Millward Brown vede Google in prima posizione, Apple ed IBM a chiudere il podio, Microsoft quarta, McDonald’s quinta, Coca Cola sesta, Visa settima, AT&T ottava, Marlboro nona ed Amazon ultima in decima posizione. Questo denota un quadro abbastanza chiaro.

Al mondo, ciò che più vende è la tecnologia, seguita da alcuni marchi alimentari e da altri di carattere finanziario. Google è la regina incontrastata del mercato e questo sarà di sicuro un vanto per i suoi creatori e per tutti quelli che ci lavorano. Per chi volesse consultare la classifica completa, vi alleghiamo il link alla fonte dell’articolo, dove si potranno leggere tutti i dati inerenti alla ricerca.

[Via]