Home > Apple > Apple vuole i suoi dispositivi nel mercato automobilistico

Apple vuole i suoi dispositivi nel mercato automobilistico

Le tormentate vicende relative al Nokia N9 ed alla sua distribuzione limitata ad alcuni mercati selezionati ci regalano un nuovo colpo di scena: il primo (e ultimo) smartphone MeeGo del produttore finlandese sarà venduto a Singapore a 299 euro.

Nokia N9

Questo, infatti, il prezzo apparso sullo store ufficiale di Nokia Singapore: lo smartphone non è ancora disponibile per l'acquisto ma viene già indicata la cifra necessaria per fare proprio il dispositivo.

Si tratta di un prezzo decisamente inferiore rispetto alle cifre emerse nei giorni scorsi per la Romania (549 euro), Amazon.de (620 euro) e Svezia (circa 600 euro). Resta da scoprire, a questo punto, se non si tratti soltanto di un mero errore o non sia necessario stipulare anche un contratto con un operatore telefonico.

Nel caso opposto, qualora realmente il Nokia N9 dovessere essere commercializzato realmente a 299 euro a Singapore, probabilmente una delle motivazioni di un "prezzo così a buon mercato" potrebbe essere da individuare nella fretta del produttore di eliminare in breve tempo le scorte di questo smartphone che, in pochi mesi, si è tramutato da uno dei più grandi successi potenziali di Nokia in un vero e proprio "peso" ed incombente pericolo per la linea di terminali Windows Phone Mango.

Fonte: Nokia Singapore (via Camb078 su Twitter)

Sistema Operativo: 
Contenuto: 
Produttori: 

E’ lampante il fatto che l’azienda californiana vuole integrare il più possibile le funzioni dei suoi prodotti nelle automobili.

Eyesfree è uno dei più recenti servizi proposti da Apple, e dopo essere stato presentato con ios 6, è già compatibile con le auto 2012 di mercedes, Toyota, BMW, Hyundai e recentamente con Ferrari. Eyes free, per chi non lo sapesse, è un servizio che permette di utilizzare siri tramite apposito tasto sul volante, in maniera tale da poter impostare navigatore, rispondere ai messaggi, chiamare, visualizzare il meteo, ecc senza distrarsi dalla guida.

Ora Apple sembra puntare più in alto, pensando a servizi ad Hoc per le automobili da inserire nel wsoftware. Numerosi annunci che chiamavano al campus esperti del settore sono stati rencentemente pubblicati, e questo non fa che confermare la tesi. Sicuramente non vedremo mai una iCar, sarebbe ridicola, ma magari cose interessanti.siri-hyundai-595x334