Home > Apple > Apple quest’anno venderà più smartphone di Samsung?

Apple quest’anno venderà più smartphone di Samsung?

Apple vs Samsung

Un nuovo report del Wall Street Journal afferma che Apple a breve potrebbe vendere più smartphone di Samsung, diventando così il primo produttore di smartphone al mondo grazie sopratutto ai record di vendite che stanno registrando iPhone 6 e 6 Plus: tutto questo sarebbe anche possibile grazie al forte declino che l’azienda coreana sta subendo da diversi mesi, in cui si è vista sottrarre grandi quote di mercato da concorrenti cinesi come Xiaomi

Se Apple raggiungesse effettivamente le aspettative degli analisti, che prevedono vendite pari a 66,5 milioni di iPhone per il 2014 appena concluso, la leadership di Samsung sul mercato smartphone in atto dal 2011 potrebbe ben presto essere sorpassata dal colosso di Cupertino. 

Apple quest’anno venderà più smartphone di Samsung?

Si tratta di un’ipotesi più che reale, quella del Wall Street Journal, che spiega come le vendite in forte crescita di Apple coincidono con un drastico calo nelle vendite di Samsung. Se questa tendenza fosse confermata anche nei prossimi mesi, Apple potrebbe rientrare in possesso del trono che la vedeva fino al 2011 prima azienda produttrice di smartphone

La quota di Samsung è in forte calo per via delle vendite poco brillanti dei suoi modelli di punta e dell’ascesa del marchio nei mercati emergenti. Nel Q3 2014 Samsung ha spedito globalmente circa 78 milioni di smartphone, con una quota globale pari al 25%, in calo del 34% rispetto all’anno precedente. 

Apple dovrebbe a breve annunciare i dati di vendita del suo Q4 2014, che secondo numerosi analisti sarebbe stato il più redditizio di sempre per l’azienda, grazie alle ottime vendite di tutti i prodotti e servizi come iPhone, iPad, Mac ed App Store. Il report sostiene, in conclusione, che nonostante Samsung stia perdendo forti quote di mercato per via dei produttori cinesi sempre più forti (un chiaro esempio è Xiaomi) Apple sta comunque riuscendo a crescere enormemente in Cina, un paese destinato a diventare il primo mercato per il colosso americano. 

Via