Home > Apple > Apple permette di provare gratis qualsiasi app dell’App Store

Apple permette di provare gratis qualsiasi app dell’App Store

App Store

Due giorni fa, Apple ha introdotto delle linee guida aggiornate per l’App Store che vanno di pari passo con il nuovo aggiornamento di iOS 12. E, a seguito di un’analisi di queste, sembra che Apple stia ora aprendo l’App Store alla prova gratuita di tutte le applicazioni presenti.

Fino ad ora, le prove gratuite erano limitate alle app basate su abbonamento come Apple Music, che offrono una prova gratuita a tempo limitato con l’accordo che gli utenti pagheranno una quota di abbonamento mensile o annuale una volta trascorso il periodo libero.

Tuttavia, le app premium regolari (quelle a pagamento) non hanno mai avuto accesso a questo lusso, qualcosa che è diventato uno dei più grandi reclami tra gli utenti di iOS. Dopotutto, le app premium a volte possono essere costose e sono spesso qualcosa che le persone preferiscono provare prima di prendere una decisione definitiva sul loro acquisto.

Grazie al nuovo punto 3.1.1 modificato nelle linee guida, Apple ora consente agli sviluppatori di app pubblicate a pagamento di offrire un periodo di prova. Per fare ciò, deve essere dichiarata chiaramente prima della sua attivazione, così come i contenuti o i servizi che saranno revocati al momento del termine della prova devono essere elencati chiaramente.

Sempre in ambito App Store, adesso Apple obbliga gli sviluppatori di app a “descrivere chiaramente” eventuali nuove funzionalità o modifiche implementate negli aggiornamenti all’interno della sezione Novità.

Inoltre, con una mossa che potrebbe consentire la pubblicazione dell’applicazione Steam Link sui dispositivi iOS, Apple ha dichiarato che tutte le app di mirroring dello schermo devono ora soddisfare un nuovo set di regole. Questi includono non offrire alcuna interfaccia simile a uno store che potrebbe somigliare all’App Store ufficiale o alla possibilità di acquistare software che è già di proprietà dell’utente. 

VIA  FONTE