Home > News > 3 Italia potrebbe bloccare la pubblicità sui dispositivi mobili

3 Italia potrebbe bloccare la pubblicità sui dispositivi mobili

3 italia logo h3g logo

La pubblicità presente in Internet è sempre stata poco tollerata ma se di solito nella navigazione desktop si è disposti a chiudere un occhio, quella su dispositivi mobili è molto più fastidiosa oltre ad essere potenzialmente pericolosa con tutti i servizi di abbonamento che possono essere attivati per sbaglio. Asus e Samsung nelle scorse settimane si sono dimostrate favorevoli all’introduzione di un filtro pubblicitario all’interno dei loro browser, ma a quanto pare in questa lotta alla pubblicità invasiva non sono sole:  3 Italia potrebbe bloccare la pubblicità sui dispositivi mobili con una soluzione che cerca di accontentare un po’ tutti, sia utenti che inserzionisti.

La notizia ci è stata fornita tramite una comunicazione ufficiale, quindi non si tratta di un rumour. Ecco come viene presentata questa iniziativa:

  • 3 UK e 3 Italia hanno collaborato con successo con Shine Technologies per l’implementazione sulle proprie reti delle tecnologie Shine per il blocco della pubblicità sui dispositivi mobili. Questa iniziativa permetterà una rapida distribuzione della tecnologia di “ad-blocking” anche agli altri operatori del Gruppo 3.
  • Rispetto ai servizi basati su App, il servizio di “ad-blocking” integrato nelle reti mobili rappresenta una soluzione più efficiente per i clienti, poiché riesce ad intervenire su un numero maggiore di banner pubblicitari senza alterare l’esperienza e la velocità di navigazione.
  • La collaborazione con Shine non ha l’obiettivo di eliminare la pubblicità, che è spesso interessante e porta benefici ai clienti, ma di dare agli utilizzatori la possibilità di scegliere se e quando ricevere pubblicità sul proprio dispositivo mobile. 

La soluzione proposta dal gruppo 3 dovrebbe tenere conto di questi tre obiettivi: 

  1. i clienti non dovrebbero pagare per l’utilizzo dei dati consumati per visualizzare la pubblicità sul dispositivo mobile. Questi costi dovrebbero essere a carico degli inserzionisti.
  2. la privacy e la sicurezza dei clienti deve essere completamente protetta. Alcuni inserzionisti utilizzano infatti la pubblicità per appropriarsi dei dati clienti senza che questi ultimi ne siano a conoscenza o abbiano dato il proprio consenso.
  3. i clienti dovrebbero essere in grado di ricevere solo la pubblicità di loro interesse, senza che la loro esperienza e velocità di navigazione venga condizionata da una pubblicità spesso eccessiva, intrusiva e quindi non desiderata. 

Nei prossimi mesi, il Gruppo 3 fornirà maggiori dettagli sulla collaborazione con Shine Technologies e il settore pubblicitario per assicurare ai propri clienti un’esperienza di navigazione mobile migliore, più personalizzata e trasparente.

Via – Press Release